Già ai domiciliari, tenta rapina a casa di due anziani: finisce in carcere

Un cittadino di Taurisano, già sottoposto in regime d’arresti domiciliare, ha tentato di farsi consegnare dei soldi una volta entrato in casa di due anziani. La resistenza della coppia, però lo fa scappare. Più tardi lo raggiungono i Carabinieri locali.

Si sarebbe introdotto – con volto travisato e armato di bastone – all’interno dell’abitazione di due coniugi anziani (86 anni lui e 84 anni lei) per recuperare soldi ed eventuali monili . Non solo. Dopo aver fatto irruzione in casa verso le 20.00 di ieri, e chiedendo insistentemente il denaro sotto minaccia, ha dovuto però fronteggiare una pronta resistenza da parte della coppia assieme alla figlia che era presente. Così, davanti all’opposizione ferrata della famiglia, decide di lasciar perdere, dileguandosi a piedi per le strade del paese.

Questa, perlomeno, la fedele ricostruzione comunicataci dai Carabinieri locali – allertati immediatamente al termine dell’episodio – che, unitamente ai colleghi della Stazione di Ruffano, hanno avvitato subito un’attività info-investigativa dagli esiti veloci, quasi fulminei. I militari acquisiscono in men che non si dica determinate informazioni su chi avrebbe potuto compiere un gesto di tale portata. Fattasi un’idea, è partita la perquisizione domiciliare nei confronti di un cittadino del posto. Costui, celibe e in attesa di occupazione, era già sottoposto a regime d’arresti domiciliari.

Terminata la visita, dagli operatori venivano rinvenuti la felpa ed i jeans che gli stessi ipotizzano possa appartenere al presunto autore della tentata rapina; quest’ultimo, una volta sentito dai militari il PM di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce. Le accuse da cui ora dovrà difendersi corrispondono a quelle di tentata rapina ed estorsione.



In questo articolo: