Muore per le complicanze di una gastroscopia. A breve l’autopsia, indagato un medico

Il marito della vittima ha sporto una dettagliata denuncia. La famiglia vuole, però, che si faccia chiarezza su quanto avvenuto durante l’esame effettuato presso una clinica privata di Lecce.

Prosegue l’inchiesta della Procura, sulla morte di una donna deceduta dopo le complicanze di una gastroscopia.

Nella mattinata di lunedì, il pubblico ministero Maria Vallefuoco conferirà l’incarico per l’autopsia al medico legale Roberto Vaglio. Presumibilmente, il giorno stesso, verrà eseguito l’esame sul corpo di Teresa Tramacere, 50enne di Squinzano. Come atto dovuto in vista dell’autopsia, il pm ha iscritto nel registro degli indagati il nominativo di un medico del reparto di gastroenterologia di una clinica privata di Lecce.

Ricordiamo che il marito della vittima, nelle scorse ore, ha presentato una dettagliata denuncia, attraverso il legale Cosimo Miccoli, presso i carabinieri di Squinzano.

Il decesso è avvenuto martedì pomeriggio, presso l’Ospedale “Vito Fazzi”. La famiglia vuole, però, che si faccia chiarezza su quanto avvenuto durante la gastroscopia effettuata presso un centro medico privato.

La signora Tramacere, dopo essersi rivolta uno specialista, aveva prenotato una visita presso la suddetta clinica. Qui, doveva infatti sottoporsi all’esame endogastroscopico, in vista di un successivo trattamento antiobesità in un ospedale fuori Provincia. Infatti, 19 ottobre scorso, si era recata con le proprie gambe, in compagnia del marito, per sottoporsi alla gastroscopia. Al termine, però, si sarebbe sentita male. Infatti, dopo circa 25 minuti sarebbe entrata in arresto cardiaco. A quel punto, si sarebbe reso necessario il trasporto d’urgenza presso il “Vito Fazzi” per essere ricoverata in Rianimazione. La donna, giunta in gravi condizioni, dopo quattro giorni trascorsi in stato di coma, non ce l’avrebbe fatta.

I familliari, intendono ora capire, come mai una signora che godeva di buone condizioni di salute, seppur in sovrappeso per una forma di obesità, sia morta dopo una banale gastroscopia. Una domanda a cui proveranno a dare una risposta gli inquirenti.



In questo articolo: