Mortale sulla Maglie-Collepasso, sotto accusa la rotatoria incompiuta

Dopo l’incidente di ieri sera dove a perdere la vita è stata una persona anziana, si riaccendono le poliemiche sul cantiere non ancora chiuso di zona Masseria Grande. Il Pd chiede lumi alla Provincia.

Il terribile incidente si è verificato ieri nel tardo pomeriggio del giorno dell’Immacolata. Luigi Montagna, imprenditore agricolo di 78 anni è deceduto schiacciato tra le lamiere della sua auto all’altezza della rotatoria che insiste sulla provinciale 361, quella che collega Maglie a Collepeasso, in zona Masseria Grande.

Il luogo dell’incidente, lo abbiamo già detto, è stato più volte oggetto di segnalazione per la sua pericolosità a causa di lavori di messa in sicurezza che sembrano la tela di Penelope.

E oggi il coordinatore della segreteria provinciale del Pd, Gabriele Abaterusso, torna sull’argomento. “Il primo pensiero va all’anziano di Collepasso deceduto e ai suoi familiari. E per questo non intendiamo calcare la mano sulle eventuali responsabilità di una situazione che si trascina da anni – scrive – Vorremmo però, semplicemente, che chi di dovere intervenisse con urgenza per mettere in sicurezza la strada”.

Nelle settimane scorse il PD della zona di Casarano è stato sulla rotatoria per chiedere di accelerare i lavori e un suo parlamentare – l’on. Federico Massa – ha presentato un’interrogazione. Ora l’appello va all’Ente di Palazzo dei Celestini.

Oggi, di fronte a questo evento luttuoso – scrive ancora Abaterusso – chiediamo che la Provincia definisca subito un cronoprogramma che indichi con certezza sia l’immediata messa in sicurezza che il termine dei lavori. Il pasticcio del rondò è ormai servito. Tra omissioni, difformità dal progetto e ritardi rappresenta un pessimo esempio di amministrazione. Ma se a ciò non si può riparare si risponda almeno alla domanda di sicurezza di migliaia di cittadini che attraversano quell’area e si eviti il rischio di ulteriori tragedie”.

Come si legge su numerosi articoli di stampa locale, già a Giugno scorso i comuni di Casarano e Collepasso avevano deciso di  redigere un progetto condiviso per la zona di contrada Masseria Grande, con l'obiettivo di co-finanziare un intervento provvisorio per collegare la strada provinciale “SP 69” (la Casarano-Masseria Grande) alla strada “SP 361” (Maglie-Gallipoli). Il tutto in attesa che il cantiere venisse dissequestrato. L’atto di sequestro era stato disposto dall'Autorità Giudiziaria oltre un anno fa per presunte irregolarità riguardante la parte attigua alla zona.

Gli uffici tecnici avevano già stilato una proposta di intervento in emergenza da sostenere in parti uguali tra le Amministrazioni interessate, per sistemare la carreggiata e consentire il passaggio alle auto.



In questo articolo: