Tentato colpo ‘esplosivo’ al Supermac di Sannicola: l’allarme mette in fuga i ladri

Hanno fatto esplodere l’ingresso del supermercato Ipermac di Sannicola usando l’acetilene. Purtroppo per i ladri, però le sirene d’allarme e i vigilantes sono stati puntualissimi. Fuggono a mani vuote, ma i carabinieri di Gallipoli indagano.

Avrebbero voluto che il colpo fosse “esplosivo”, nel vero senso della parola. Peccato, però, che l’allarme abbia suonato tempestivamente, tanto da intimorirli al punto da provocarne la fuga immediata a gambe levate. Così, il danno economico (ancora da quantificare con precisone) l’hanno provocato comunque. All’aria, dunque, la porta d’ingresso del supermercato, oltre che i loro piani criminosi. Siamo a Sannicola, in via Lecce, precisamente nei pressi di un locale commerciale appartenente alla catena Supermac.

Qui, una banda di ladri dimostra d’essere piuttosto esperta circa le reazioni chimiche delle sostanze, tanto da riuscire nel far esplodere l’ingresso della struttura mediante l’utilizzo del gas, ossia l’acetilene. Un botto tremendo, che inquieta non poco i residenti della zona. E, assieme a loro, anche le guardie giurate operanti presso un istituto di vigilanza privata collegato all’esercizio. Insomma, le sirene avranno funto da deterrente alle loro prospettive. Neanche il tempo di entrare e asportare qual cosina, niente di niente. Bisognava scappare via, lontano dalla morsa della giustizia in dirittura d’arrivo.

Non appena pervenuti i vigilantes, purtroppo, i malintenzionati erano già spariti. Dei fatti sono stati informati i Carabinieri della Compagnia di Gallipoli. I militari, infatti, adesso stanno analizzando i nastri del sistema di videosorveglianza. Molto probabile che, grazie ai filmati, si possano aggiungere dettagli in più affinché le indagini svoltino nel senso giusto. Indossavano dei passamontagna neri, dunque “al lavoro” col volto travisato. Ma non è detto che tale dettaglio sia da trascurare, vista anche l’esperienza degli uomini appartenenti all’Arma. Staremo a vedere. 



In questo articolo: