Un ristoro per le PMI pugliesi fino a 25mila euro, Federaziende presenta ‘Custodiamo le Imprese’

Attiva la misura straordinaria della Regione Puglia “Custodiamo le imprese” per oltre 46 milioni di euro. Attivi presso gli uffici di Federaziende sportelli di assistenza tecnica alle imprese.

Non solo le risorse del Pnrr, dunque. Per le imprese pugliesi, e soprattutto per quelle piccole e medie che sono la vera ossatura dell’economia pugliese, ci sono tante altre possibilità di finanziamento per il rilancio delle aziende fiaccate da una pandemia che si è radicata su una gravissima crisi di sistema. La Regione Puglia, nello specifico, insieme al Microprestito, ha attivato anche la misura straordinaria “Custodiamo le imprese” per oltre 46 milioni di euro.

Come funziona lo strumento

Custodiamo le imprese” si rivolge alle imprese micro, piccole e medie con una sede operativa in Puglia, costrette alla chiusura per decreto nel corso del 2021. L’impresa, deve aver conseguito nel periodo 1° luglio 2020-30 giugno 2021, un fatturato che non sia superiore al 70% di quello conseguito nel periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020. In sostanza dal confronto tra i due periodi deve risultare un decremento almeno pari al 30%.
L’agevolazione consiste in un ristoro (a fondo perduto) che può arrivare fino a 25mila euro.

La domanda deve essere presentata attraverso il portale custodiamoleimprese.regione.puglia.it dal 9.11.2021, data di pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia, e fino alle ore 12.00 del 9.12.2021.
Attenzione, pero: potranno partecipare all’avviso le imprese che non abbiano ottenuto ulteriori aiuti specifici da parte della Regione Puglia tra i quali quelli previsti da Microprestito (edizioni 2020 e 2021) e Titolo II Circolante (Capo 3 e Capo 6) dalle misure Custodiamo il Turismo in Puglia 2.0 e Custodiamo la Cultura in Puglia 2.0.

L’obiettivo della Regione Puglia è proprio quello di non abbandonare le imprese in crisi. Si tratta invece di continuare a supportale compensando la liquidità perduta per la crisi sanitaria, incoraggiandole a riprendere il terreno perduto.

“Custodiamo le imprese” ha una dotazione di oltre 46,2 milioni di euro. Si tratta di un ristoro a fondo perduto, una misura straordinaria legata al quadro temporaneo degli aiuti concessi dall’Unione Europea per il Covid.

Lo strumento di agevolazione è gestito da Puglia Sviluppo in qualità di organismo delegato ed attivo da oggi, 9 novembre 2021, e fino alle ore 12,00 del 9 dicembre 2021.

“Presso gli uffici Federaziende siti a Carmiano in Via Leverano 78b – afferma Eleno Mazzotta, segretario generale di Federaziende – è già operativo uno sportello per offrire assistenza tecnica alle PMI e per aiutare e supportare gli imprenditori a presentare le richieste di finanziamento. Chi è interessato può chiamare allo 0832.606488 e troverà l’assistenza e la professionalità che un’opportunità del genere merita”.

Chi può beneficiare di ‘Custodiamo le imprese”

A differenza di Microprestito, “Custodiamo le imprese” è un ristoro, dunque una sovvenzione diretta a fondo perduto che compensa la riduzione dei ricavi determinata dalla pandemia. Questo ristoro può arrivare fino ai 25mila euro. Sono risorse che vengono trasferite dallo Stato come ristoro a quelle realtà colpite dalla pandemia, tra cui i piccoli artigiani, i barbieri, i parrucchieri, il settore dell’estetica, del wedding, quello degli ambulanti, il settore dello sport e del divertimento e altri. È un ulteriore sforzo che testimonia l’impegno della Regione Puglia a supportare il mondo delle imprese con una iniezione di liquidità, che rappresenta non solo una boccata d’ossigeno ma un incoraggiamento a ripartire pur in un momento di grande difficoltà. Sommato a Microprestito e alla misura straordinaria per l’editoria, questo ulteriore sforzo vale più di 128 milioni di euro.

Il seminario informativo di Federaziende

Nei giorni scorsi, Federaziende ha organizzato presso la propria sede un seminario informativo sui sostegni della Regione alle imprese pugliesi al quale hanno partecipato, tra gli altri, Vincenzo Benisi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Lecce, Alessandro Delli Noci, assessore allo sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone, Presidente del Consiglio Regionale e Cosimo Borraccino, consigliere del Governatore Michele Emiliano.



In questo articolo: