Albano ricorda la figlia Ylenia e confessa: “La fede mi ha salvato, ma sono stato arrabbiato con Dio”

Dopo Romina Power che ha confidato sui social di non aver mai perso la speranza di abbracciare ancora Ylenia, anche Albano ha voluto ricordare la figlia e il dolore provato dal giorno della sua scomparsa.

«Non ho mai perso la speranza di abbracciarla di nuovo». Dopo il doloroso appello di Romina Power che ha chiesto aiuto ai social per ‘trovare’ la figlia Ylenia, scomparsa misteriosamente nel lontano 1994, anche Albano Carrisi ha deciso di ‘rompere’ il silenzio. E, in una intervista rilasciata ad «Oggi», ha parlato a cuore aperto della sofferenza provata da quel giorno. Una ferita al cuore aperta da ben venticinque lunghi anni.

«Quando perdi una figlia in quella maniera, anzi in qualunque altra maniera succeda, ti chiedi “perché proprio a me che sono un credente, che sono un cristiano?”. In quei momenti di pazzia mentale non puoi evitare quei pensieri perché sono loro che ti aggrediscono» ha confinato il cantante di Cellino San Marco, noto anche per la sua incrollabile fede cristiana.

Una ‘fede’ messa a dura prova dal dolore provato quando la sua primogenita è scomparsa nel nulla in una fredda giornata di gennaio a New Orleans, dove si era trasferita per lavorare al progetto di un libro.

La sofferenza è stata doppia: da un lato, dover fare i conti con un’assenza, dall’altra la rabbia provata verso chi poteva sembrare reponsabile di tutto. «Improvvisamente mi sono reso conto che stavo male due volte: la prima perché mi sentivo contro Dio, l’altra perché avevo perso mia figlia. Ancora quando ne parlo c’è qualcosa dentro di me che va in subbuglio. La cosa bella – rimarca – è quando ho chiesto scusa al Signore, quando ho chiesto scusa a Dio per questa mia reazione. Ho passato veramente un periodo nero. Poi proprio la fede, insieme alla musica, mi ha salvato da questo buio profondo».

La tragedia segnò profondamente la famiglia Carrisi. La ‘favola perfetta’ era stata cancellata e rimpiazzata con tante domande che non hanno mai trovato risposta. La coppia che aveva fatto sognare milioni di italiani aveva deciso di prendere strade diverse, segnata (forse) anche dal modo di affrontare quel dolore straziante. Mamma Romina non si è mai arresa e spera ancora di poter abbracciare quella figlia scomparsa. Papà Albano, invece, ha chiesto e ottenuto che fosse dichiarata la morte presunta.

Ancora oggi, mentre il Leone di Cellino San Marco parla di ‘dolore’, Romina parla di speranza, quella di riabbracciare un giorno la figlia.



In questo articolo: