Amministrative, Carpignano Salentino premia ancora Mario Bruno Caputo

Lucia Antonazzo che guidava la lista ‘Progetto Democratico’ si ferma a 970 voti e il 38% delle preferenze.

A Carpignano Salentino, i cittadini hanno deciso di consegnare le chiavi del comune a Mario Bruno Caputo, che ha battuto la sfidante Lucia Antonazzo.

Con 1.587 preferenze e il 62% dei voti, Caputo, a capo della lista ‘Libertà e Democrazia‘, ha superato la Antonazzo che guidava la lista ‘Progetto Democratico‘ ferma a 970 voti e il 38% delle preferenze.

Sfida a due

A contendersi la poltrona più alta del municipio sono stati Mario Bruno Caputo che, accompagnato dallo slogan “la rivoluzione continua” si è presentato ai nastri di partenza per chiedere ancora la fiducia dei suoi elettori. Nel 2019 Caputo si era aggiudicato la vittoria conquistando il 50,5% delle preferenze. A correre per la fascia tricolore in questa tornata elettorale è stata anche Lucia Antonazzo che ha cercato di convincere gli elettori a scegliere di cambiare pagina, con un programma che ha puntato molto sulla sostenibilità, declinata in tutte le sue sfumature: ambientale, culturale, sociale e economica.

Chiuse le urne e contata anche l’ultima scheda, le urne hanno decretato il vincitore: sarà Mario Bruno Caputo a guidare per i prossimi cinque anni il Comune di Carpignano Salentino, noto per uno degli eventi più attesi dell’autunno, la Festa te lu mieru e la fiera di Ognissanti.

I due giorni dedicati alle elezioni amministrative si sono chiusi con un risultato nel segno della continuità e che conferma la fiducia che la comunità ha in  Caputo e nella sua visione per il futuro di Carpignano Salentino.



In questo articolo: