Call center di Planet Group, 131 lavoratori rischiano il posto e lo stipendio

Sono 131 i dipendenti dell’azienda che ad oggi non dà certezze nè sul posto di lavoro, nè sull’ultima mensilità. Sfila la protesta alla sede del call center.

Ci risiamo. Il lavoro non c’è o se c’è si perde. Questa volta parliamo dei dipendenti dell’azienda “Progetto Vendita” acquisita lo scorso anno dalla calabrese Planet Gruop, call center con sede a Gallipoli e Maglie.

I lavoratori tappezzano di striscioni l’ingresso dell’azienda

A rischiare il posto sono ben 131 persone che alla notizia di perdere il lavoro o addirittura stipendi arretrati proprio non ci stanno. Così questa mattina a Maglie è andata di scena la protesta con tanto di slogan e striscioni presso la sede del call center.

Lunedì scorso a Gallipoli si è tenuto un incontro in cui alcuni rappresentanti della politica si sono fatti carico di portare la questione al Governo centrale. Ma ad oggi nulla di fatto.

A rendere gli animi ancor più esasperati è anche la notizia in circolazione che riguarda il pagamento degli stipendi in programma in questo fine settimana e del quale non v’è certezza. Come non v’è certezza delle commesse Mediaset Premium con cui l’azienda aveva un accordo commerciale fino a fine mese. La commessa rischia di non venir rinnovata vista la possibile chiusura del noto marchio di pay tv. Potrebbe essere possibile soltanto una proroga, utile a gestire le disdette dei clienti.

Una stituzione di precarietà che mina alle se pur minime certezze di 131 famiglie.


In questo articolo: