‘Chi non ha ricevuto la notifica non pagherà nulla’, i chiarimenti di Zacheo e Pasqualini

Il Comandante della Polizia Locale di Lecce, Donato Zacheo e l’assessore al ramo Luca Pasqualini chiariscono la vicenda relativa alle lettere pre-ruolo inviate in questi giorni ai cittadini

Chi non ha ricevuto correttamente la notifica del verbale non dovrà pagare nulla e non riceverà alcuna cartella esattoriale”. Rispondono all’unisono, dunque, sia il Comandante della Polizia Locale di Lecce, Donato Zacheo, che l’assessore al ramo Luca Pasqualini alle ripetute richieste di chiarimenti pervenute, in questi giorni, a mezzo stampa, da parte delle associazioni in difesa dei diritti dei cittadini sulla questione delle cosiddette lettere pre-ruolo. “E il medesimo messaggio di chiarezza – getta acqua sul fuoco il Comandante – sarà contenuto anche in una lettera che stiamo provvedendo a recapitare all’indirizzo degli interessati”. Non solo. Vengono anche illustrate, passo dopo passo, le tappe della querelle: “Purtroppo – prosegue Zacheo – non abbiamo potuto evitare che nel novero delle oltre trentamila lettere pre-ruolo relative ai mancati pagamenti dei verbali emessi nel 2013, finissero anche quelli che si riferiscono al periodo in cui le procedure di notificazione furono effettuate in modo non regolare dai messi della Lupiae Servizi”.

Per questo motivo si provvederà a verificare uno ad uno i procedimenti e, laddove emergesse l’incompletezza degli atti di notifica, avverrà l’archiviazione d’ufficio. “Sarà poi nostra cura quantificare il danno per il mancato introito – continua – e valutare che posizione assumere nell’eventualità che dalla vicenda emergessero responsabilità penalmente rilevanti”. Rassicurazioni anche circa il paventato danno erariale ascrivibile alle spese di notifica. In virtù di quanto previsto nel contratto con la società che gestisce il software dell’Ufficio sanzioni, l’invio delle lettere pre-ruolo e di queste ultime missive non rappresenterà né un aggravio di spese per il cittadino, né un costo per l’Amministrazione.

Mi preme, invece, ribadire ancora una volta – conclude il Comandante Zacheo – che l’aver introdotto nel procedimento la lettera pre-ruolo, che potremmo definire un 'atto di cortesia' non sancito dalla legge, consente al trasgressore di pagare il dovuto prima che l’addebito sia gravato, in conseguenza dell’iscrizione a ruolo, di ulteriori maggiorazioni, interessi moratori e spese, raggiungendo un importo per lo più triplicato”.
 
Speriamo – sottolinea invece l’assessore alla Polizia Locale di Lecce, Luca Pasqualini – che questo sia l’ultimo atto che coinvolge i cittadini provocato da questo a dir poco increscioso incidente di percorso”.



In questo articolo: