Ex Bat, salta l’incontro al Mise: sit in davanti alla Prefettura, lavoratori attendono una data

Dopo l’incontro col Ministero saltato lo scorso 8 gennaio, i lavoratori ex Bat sono stati in Prefettura per sollecitare le sedi romane a fissare un’altra data. Colloqui e contatti in corso, a presto si consoscerà il giorno.

L’ennesimo rinvio, l’ennesima protesta, l’ennesima richiesta di chiarezza. Doveva svolgersi lo scorso 8 gennaio a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo Ecomomico, un incontro per stabilire a quale futuro verranno destinati i lavoratori ex Bat. E invece tale riunione non è avvenuta. Motivo che ha visto mobilitare ancora gli operai (riconvertiti nelle aziende IP Korus, Iacobucci, Hds e Meal service), oggi in presidio davanti alla Prefettura di Lecce. Una loro delegazione, incontrando gli organi prefettizi, a breve saprà – se non stamattina, domani – la data precisa per fissare l’appuntamento tanto atteso presso le sale romane del Mise. Secondo le comunicazioni fornite del direttore generale, risultano in piedi colloqui e contatti, pertanto a breve potrebbe venire deciso il giorno.

Negli occhi degli operai presenti al sit in, questa mattina, non c’era rabbia, bensì tanta amarezza. Ma anche la volontà di non arrendersi. Parlando con alcuni diretti interessati, si scopre che molte famiglie appaiono appese sul filo del rasoio. Gente che deve pagare i mutui, padri col compito di comprare il pane ai propri figli. Tutta questa vicenda la definiscono una ‘truffa legalizzata’. “Perché sottoscrivere dei contratti a tempo indeterminato se poi si ricorre alla cassa integrazione?” domandano gli operai. Non solo. Denunciano un mancato avviamento della produzione. O meglio, forse, non aver mai pensato a piani industriali. “IP Korus azienda fantasma, Ministero Assente” recita uno striscione appeso in via XXV Luglio. Su un altro, invece, la scritta “Bristish American Tobacco, riconversione truffa legalizzata”.

Molti si sbilanciano, dicendo addirittura “C’è qualcosa sotto”. A tal proposito, lunedì avvenne pure una manifestazione pacifica vicino al tribunale leccese di viale de Pietro – messa in piedi da alcuni ex Bat – nell’obiettivo di sostenere la magistratura, che sta indagando sul processo di riconversione dell’azienda. Gli ammortizzatori sociali, del resto, non dureranno per sempre. Se esiste però almeno un piccolo barlume di speranza è giusto crederci. 



In questo articolo: