Gabellone, ‘Schittulli? Un uomo della società civile che va oltre le forze politiche’

Il Coordinatore Provinciale di Forza Italia esprime tutta la sua soddisfazione per la scelta di candidare l’ex Presidente della Provincia di Bari alla carica di Governatore di Puglia in rappresentanza del centrodestra.

Finalmente, con molto ritardo,  anche il centrodestra in Puglia ha il suo candidato alla carica di Governatore.
 
Sarà Francesco Schittulli ex Presidente della Provincia di Bari l’avversario di Michele Emiliano nella corsa allo scranno più alto di “Via Capruzzi”.
 
La decisione è giunta ieri, al termine dell’Ufficio di Presidenza di Forza Italia, alla presenza dell’ex Premier, Silvio Berlusconi che ha dato il via libera.
 
“Ho sentito Francesco Schittulli ieri mattina e poi ci siamo scambiati alcuni sms subito dopo l’ufficializzazione della sua candidatura”, ha affermato il Coordinatore Provinciale di Forza Italia, Antonio Gabellone a margine della conferenza stampa di presentazione del convegno sulle riforme istituzionali organizzato per la giornata di domenica dal partito azzurro.
 
“È una persona sicuramente interessata alle dinamiche politiche e istituzionali e poi i risultati conseguiti quando era Presidente della Provincia di Bari sono molto importanti.
 
Da parte sua c’è una grandissima volontà di impegnarsi per il bene del territorio pugliese. Poi, nel corso della sua esperienza istituzionale ha proseguito a svolgere la sua professione di oncologo e averlo scelto è dimostrazione di come, oltre le forze politiche, ci sia la volontà di puntare su un uomo della società civile.
 
Mi sono permesso di invitarlo al convegno di domenica e penso che verrà a trovarci
Raffaele Fitto ha sempre sostenuto che in questo momento storico sarebbe stato  necessario scegliere il candidato dal basso, attraverso lo strumento delle primarie, il che sarebbe stato utile per avere una marci in più; ma ha, altresì, dichiarato chiaramente che se il partito avesse deciso di non dare vita alle consultazioni non si sarebbe sottratto ad grande impegno finalizzato a far vincere il candidato del nostro partito. 
 
Se abbiamo paura dell’astensionismo?  L'astensione dovrà passare inevitabilmente da noi. Nel senso che dovremo avere al capacità di coinvolgere i cittadini e far comprendere loro gli argomenti che mettiamo in campo”.



In questo articolo: