Salento dimenticato nel programma di governo. Pagliaro, “Care Lezzi e Castiello iniziamo male”

Parla il Dirigente Nazionale di Forza Italia che commenta l’intervista al neo sottosegretario al Sud Giuseppina Castiello che mai parla del territorio salentino soprattutto per quel che riguarda la costruzione di nuove infrastrutture.

«Ho letto l’intervista a Pina Castiello, neo sottosegretario al Sud, e ho notato che manca la parola Salento;  il nostro territorio continua ad essere dimenticato. Il sottosegretario quando parla di infrastrutture cita la Napoli–Bari, ma stiamo scherzando?», sono parole dure quelle con cui Paolo Pagliaro, Dirigente Nazionale di Forza Italia, commenta l’intervista rilasciata dal Sottosegretario al Sud, fresco di nomina, Giuseppina Castiello, 47enne di Afragola, vice del Ministro salentino doc, Barbara Lezzi.

L’imprenditore leccese puntualizza subito le cose, ricordandole gli impegni assunti all’interno della coalizione di centrodestra di cui fa parte essendo stata eletta tra le file della Lega Nord:  «Mettiamo immediatamente le cose in chiaro, prima che sia troppo tardi. In campagna elettorale il Presidente Berlusconi e Matteo Salvini hanno sempre dichiarato che l’Italia non finisce a Bari, la Castiello non è a conoscenza di questo importante elemento? Spero che il ministro Lezzi glielo ricordi e prendano, insieme, subito degli impegni ben precisi con questa terra, il Salento, e ripeto il Salento, che non può più essere, come sempre, trattato come la Cenerentola d’Italia».

paolo-pagliaro
Paolo Pagliaro

Il presidente del Movimento Regione Salento, poi, pone l’accento su tutte le necessità infrastrutturali di cui il territorio salentino necessita: «Si muovano subito per portare a Lecce, naturale stazione di testa delle ferrovie,  la linea dell’alta velocità, senza sterili promesse del trenino Frecciarossa a Natale, basta chiacchiere.

Al ministro e al sottosegretario voglio ricordare una cosa importantissima, in questo periodo in cui si parla di autonomie a forte trazione nordista, le invito a prendere il progetto che consegnammo a Lei e anche a Salvini – conclude Pagliaro –  così potranno parlare di federalismo, autonomia ed equità per tutti i territori da nord a sud. Al Ministro salentino Lezzi chiedo molta attenzione, noi saremo un continuo pungolo e porteremo avanti tutte le istanze del Salento; vigileremo su ogni minimo movimento, non possiamo più permetterci di essere messi da parte».



In questo articolo: