‘Libera le Barriere’, un cortometraggio per affrontare i temi della disabilitÃ

Nell’ambito del progetto ‘Libera le Barriere’, presentato stamattina presso la sede provinciale PD di via Tasso, è stato presentato il gruppo di lavoro che dovrà realizzare un cortometraggio da rendere ‘virale’ sul web affinché si sensibilizzi la gente alla tematica.

Le problematiche connesse alla disabilità non son poche lo si sa bene. Al di là degli stereotipi, non è facile comprendere lo spettro delle difficoltà quotidiane. Parliamo di barriere e non solo quelle architettoniche, ovvero gli ostacoli per accede all’interno di palazzi, monumenti, luoghi pubblici in genere, nell’impossibilità di poter vedere una mostra o anche accedere a sportelli dove eseguire le pratiche più generiche. Le barriere sono anche quelle culturali, quelle che limitano il pensiero, delimitando l’ambiente sociale e alzando muri di divisione. Presso la sede della Federazione provinciale del PD, in una conferenza stampa, è stato presentato il progetto "Libera le Barriere"; un percorso che nasce dalla consapevolezza che per garantire il pieno esercizio dei diritti delle persone con disabilità sia necessario andare oltre le barriere culturali e architettoniche, perché è necessario educare ed educarsi alla diversità e bisogna farlo in ogni contesto. Il 14 giugno 2016 è stata approvata in via definitiva la Legge sul “Dopo di noi”, un traguardo importante perché introduce misure di assistenza, cura e protezione in favore delle persone con disabilità grave di sostegno famigliare ne promuova la piena autonomia. Ma non basta una legge, per quanto innovativa possa essere a garantire la piena inclusione delle persone disabili, serve abbattere le barriere culturali.

Con questa consapevolezza, la responsabile delle Politiche Sociali e Immigrazione della Segreteria Provinciale PD, Annatonia Margiotta, ha formato un gruppo di lavoro interdisciplinare, per studiare strumenti e modalità di comunicazione, idonei ad affrontare un tema così delicato. Il gruppo che è al lavoro già da alcuni mesi, ha messo a punto il progetto “Libera le Barriere”. Un progetto che si propone di andare “oltre le barriere culturali ed architettoniche, perché è necessario educare ed educarsi alla diversità e bisogna farlo in ogni contesto”.

La prima riguarda la realizzazione di cortometraggio che sarò utilizzato nella campagna di informazione e sensibilizzazione che avvieremo su tutto il territorio provinciale, oltre ad essere diffuso tramite i vari social network e youtube. Il PD provinciale si fa dunque promotore, presso tutti i Comuni, per l’istituzione della figura del garante dei diritti delle persone disabili già prevista nella Convenzione Onu che è un mediatore tra le famiglie e l’amministrazione comunale, nell’accesso all’informazione in merito ai servizi, alla normativa vigente e nella tutela dei diritti. “Nel cortometraggio – si apprende in conferenza – saranno raccontate sia le buone prassi che abbiamo avuto modo di verificare qui in Provincia di Lecce, alcune delle quali ancora poco ancora conosciute, sia le criticità da affrontare e risolvere per garantire il pieno diritto di cittadinanza. In questo processo di rinnovamento culturale, la figura del garante dei diritti dei disabili assume un ruolo strategico”.

“Tutti i componenti del Gruppo di Lavoro, partecipano tutti a titolo gratuito mettendo a disposizione le proprie competenze professionali per la realizzazione e il buon fine del progetto “Libera le barriere”.

Il PD è da tempo impegnato a livello nazionale per sollecitare le amministrazioni ad abbattere gli ostacoli in favore dei disabili, per aiutarli a vivere nel quotidiano.



In questo articolo: