Non chiamateli più Cor. Fitto crea ‘Direzione Italia’, una casa per la buona politica

‘Stiamo costruendo casa per chi crede in idee, ha passione e vuole una buona politica’. Cosi Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti, ha annunciato durante la Convenzione Blu la nascita di ‘Direzione Italia’,

«È un grande giorno, stiamo costruendo una casa per chi crede nelle idee, ha passione e vuole una buona politica»: è con queste parole che Raffaele Fitto lancia il nuovo partito, ‘Direzione Italia’. Un nome tutto nuovo, scelto dal ‘basso’ tra una rosa di proposte, dai dirigenti e militanti del partito. Resta il leone blu, simbolo del legame con i ‘Tori inglesi’. Insomma, da ieri sera, i Conservatori e Riformisti non esistono più.
 
L’annuncio è stato lanciato dal palco dell’Hotel Ergife di Roma, dove era in corso la Convenzione Blu, un appuntamento al quale hanno preso parte più di 2500 persone tra cui i  consiglieri regionali pugliesi Ignazio Zullo, Erio Congedo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola.  
 
La collocazione politica è chiara: «Nasce un soggetto politico liberalconservatore, inserito in un filone che richiama, in Italia, ciò che il centrodestra doveva essere e non è stato e, in Europa, la tradizione dei più moderni movimenti di centrodestra occidentale – spiega il politico magliese –  Questa è la terza tappa di un cammino iniziato il 5-6 novembre che, con decine di personalità, ci ha portato a scrivere un programma innovativo, su Europa, tasse, spesa, debito, lotta alla burocrazia e il 17 dicembre ci ha portato a un patto con rilevantissime forze civiche e territoriali».
  
«Nel centrodestra del futuro – conclude il leader dei Cor – con elezioni primarie, è vitale che si confrontino in una virtuosa sfida di idee l'opzione lepenista e l'opzione liberalconservatrice. Ognuno farà la sua parte, oggi qui siamo 2500. Da noi viene una chiamata ai delusi, agli astenuti, agli elettori in cerca di un centrodestra credibile, moderno, riformatore».


In questo articolo: