Omfesa, i lavoratori attendono notizie

Omfesa, continuano le proteste e i sit-in dei lavoratori davanti alla Prefettura. Il Dottor Aprea ha assicurato i dipendenti e i sindacati che presto ci saranno notizie sul loro futuro.

Ennesima protesta in Prefettura questa mattina per i lavoratori dell'azienda metalmeccanica di Trepuzzi. Ad accoglierli ci ha pensato il Dottor Aprea che ha assicurato ai sindacati che, fra la fine di questa settimana e l'inizio della prossima, ci sarà un incontro chiarificatore con l'assessore Capone che dirà qualcosa in più sul loro futuro.

Su Omfesa non può calare il silenzio e la vicenda dell'azienda metalmeccanica di Trepuzzi, un tempo gloriosa, non può essere inghiottita da un buco nero di silenzio e noncuranza. È quello che però, purtroppo, sta succedendo nell’ultimo periodo in cui sindacati e lavoratori non hanno da tempo notizie su quello che potrà essere il loro futuro.

Il nodo da sciogliere è quello relativo alla volontà di Trenitalia (unica committente di Omfesa) che, dovrebbe aprire alla possibilità di riconfermare gli ultimi 4 milioni di euro di commesse già appaltate all’aziendaUna soluzione, questa, che eviterebbe la morte dello stabilimento e la conseguente perdita di 89 posti di lavoro. Ad oggi, infatti, i lavoratori sono a casa e l’azienda, che era considerata a tutti gli effetti come il fiore all’occhiello dell’imprenditoria salentina in quanto per anni si è impegnata in maniera impeccabile nella manutenzione e lavorazione delle carrozze passeggeri per conto di Trenitalia, è caduta nell’oblio generale.

Le ultime notizie che si hanno sulla faccenda riguardano un tavolo, tenutosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico a settembre, a cui ha partecipato, fra gli altri, l’assessore Regionale Loredana Capone. Da quel momento in poi, però, né sindacati né lavoratori hanno ricevuto alcuna notizia sull’esito del vertice.

Per sbloccare questa situazione di silenzio, questa mattina i lavoratori di Omfesa sono tornati a far sentire la loro voce in Prefettura a Lecce. Alla base del sit in c’era la richiesta di un colloquio con il Prefetto Giuliana Perrotta per avere delucidazioni sul loro futuro.

A prendere la parola è stato il Segretario Generale della Fiom Cgil Lecce, Salvatore Bergamo che ha dichiarato: “è un sacco di tempo ormai che aspettiamo qualche notizia dall’assessore Capone ma fin ora, nonostante vari solleciti, non siamo stati ascoltati. La signora Capone ha parlato con la stampa ma con noi no”.

I rappresentanti sindacali di Omfesa sono stati accolti nelle camere della Prefettura ed hanno avuto il piacere di discutere con il Dottor Aprea. “L’incontro di questa mattina – continua Bergamo – è stato costruttivo perché ci è stato assicurato che entro fine settimana o al massimo (molto più presumibilmente) lunedì, potremmo avere un incontro con la Capone che ci dovrebbe dare delucidazioni importanti sul futuro dei nostri lavoratori che rischiano grosso e, al momento, non vedono molti spiragli sul loro avvenire. Noi – conclude Bergamo – abbiamo richiesto che all’incontro possano prendere parte anche i curatori fallimentari dell’azienda ed il sindaco di Trepuzzi che si è sempre impegnato e preoccupato per la vicenda”.



In questo articolo: