Trenitalia preferisce altre tratte più redditizie, il Salento non avrà il ‘suo’ Frecciarossa

A pochi giorni dall’incontro fissato dalla Regione Puglia con Trenitalia per discutere del caso Frecciarossa, sono molti i politici salentini che chiedono al Presidente Emiliano di anticipare il tavolo.

L’ultima fermata del Frecciarossa sarà Bari, allungare la tratta fino a Lecce non sarebbe ‘conveniente’ per Trenitalia. Se la prima volta il ‘messaggio’ non è stato recepito, meglio ricordare i motivi che hanno spinto la società di trasporti a tagliare fuori il Salento non considerato economicamente vantaggioso. E così l’amministratore delegato, Michele Elia, rispondendo alla lettera di Confindustria Lecce, ha colto l’occasione per ribadire che «un eventuale prolungamento del servizio “Frecciarossa” comporterebbe una perdita di circa 1 milione di euro l’anno, senza considerare che, questa ipotesi, richiederebbe l’impegno di un ulteriore convoglio ETR 500 che dovrebbe essere distolto dal servizio commerciale svolto su altre relazioni profittevoli e sulle quali oggi si sta dispiegando la concorrenza».
 
«L’ulteriore ipotesi (ventilata) di istituzione di una seconda coppia aggiuntiva di “Frecciarossa” da/per Milano attestata a Lecce – prosegue Elia – evidenzia un impatto negativo sul risultato netto di circa 5,6 milioni di euro l’anno».
 
Insomma, Trenitalia sembra essere inamovibile. E allora di cosa si discuterà nell’incontro fissato dalla Regione Puglia per venerdì 25 settembre a Bari? Probabilmente, se cifre stratosferiche alla mano è stata esclusa la possibilità di far arrivare il treno ad alta velocità a Lecce,  di soluzioni ‘alternative’.
 
A proposito del tavolo, sono tanti i politici salentini che, non concordando con la data scelta, hanno chiesto al presidente Michele Emiliano di anticipare di qualche giorno. Al coro si è unito anche il presidente del Gruppo di Forza Italia, Andrea Caroppo «Mentre il Frecciarossa sarà già in corsa da Milano a Bari, si dovrebbero tenere gli incontri istituzionali con Trenitalia. Una furbata della società per condannare la Puglia all’irrilevanza, neutralizzando ogni iniziativa».
 
Le date secondo il consigliere regionale sono esplicative:  il Frecciarossa partirà il 20 settembre, ma la Regione incontrerà la società il 25 e la stessa è convocata in Commissione parlamentare il 30. «Una domanda sorge spontanea: a che serve incontrarsi dopo la partenza della nuova corsa? Sono passaggi istituzionali evidentemente inutili e superflui. Ciò nonostante le decine di migliaia di firme per petizioni popolari promosse, nonostante una polemica accesissima e un bombardamento di critiche nei confronti delle politiche e scelte aziendali. Mi auguro, quindi, -conclude Caroppo– che il presidente della Giunta voglia scongiurare l’ennesimo bluff di Trenitalia nei confronti dei cittadini, chiedendo con estrema determinazione un incontro prima che sia troppo tardi».



In questo articolo: