Uno per tutti, tutti per uno…contro le blatte! Guido:’Pubblico e privato collaborino’

Un’ordinanza comunale prevede che privati e amministratori di condominio procedano alla disinfestazione delle blatte anche in aree private. Guido:’È necessaria e fondamentale un’attività ambientale preventiva, sia nel settore della distribuzione sia in ambito domestico’.

Spesso gli scarafaggi penetrano nelle case a causa di problemi inerenti le reti private, oppure per condizioni igieniche carenti non riconducibili alle parti pubbliche. L’assessore all'Ambiente, Andrea Guido fa sapere che, per contrastare il diffondersi di animali infestanti, con particolare riferimento alle blatte, è necessaria una collaborazione dei cittadini con l'amministrazione, nel rispetto delle norme in materia di igiene pubblica. Questa è la logica che ha guidato l’emanazione di una precisa Ordinanza Dirigenziale firmata questa mattina dall’Arch. Fernando Bonocuore, responsabile del Settore Ambiente del Comune e che dalle prossime ore, con l’affissione all’Albo Pretorio, sarà consultabile e scaricabile dal sito dell’amministrazione comune.lecce.it.

L’ordinanza in questione prevede quindi l’obbligo – nei confronti di amministratori condominiali e proprietari privati – di effettuare almeno tre interventi anti-blatte nel periodo compreso tra marzo e ottobre di ogni anno. Da effettuarsi nelle reti fognarie e nelle fosse settiche condominiali, nonché nelle griglie di raccolta delle acque attinenti alle parti comuni di pertinenza dei singoli condominii con prodotti/principi attivi che siano compatibili con quelli utilizzati da Acquedotto Pugliese. “Le blatte, quando presenti in numero eccessivo, fungono da veicolo per svariati microrganismi patogeni ed altri parassiti pericolosi per l’uomo e per gli animali – fa sapere Andrea Guido – quindi è importante non sottovalutare la loro presenza e intervenire tempestivamente per risolvere il problema. Spesso i focolai sono nascosti nelle condutture private dei condominii o delle singole abitazioni, situazioni queste interdette agli interventi pubblici”. Esistono, però, piccoli interventi che possono essere realizzati dagli stessi cittadini e attraverso le ditte specializzati operanti sul territorio. “Per questo abbiamo deciso l’adozione di un provvedimento dirigenziale che rappresenti anche un vademecum necessario per la loro corretta esecuzione”.

Gli interventi pubblici di deblattizzazione nelle caditoie stradali e nelle reti fognarie comunali, sui bordi dei marciapiedi, nei giardini comunali e, più in generale, sui suoli comunali, da oggi dovranno essere accompagnati da quelli privati da realizzarsi nelle fosse settiche condominiali, nei pozzetti d’ispezione delle reti fognarie condominiali e nelle griglie di raccolta attinenti i singoli condomini, soprattutto nei mesi caldi. Con questa ordinanza viene ingiunto ai privati e agli amministratori di condominio di procedere alla disinfestazione da blatte anche nelle proprietà private così da non vanificare l'efficacia degli interventi pubblici curati da Acquedotto, Monteco e dall’A.T.I.  formata dalla Pan.Eco Srl di Modugno e dalla Delco Disinfestazioni di Lecce, aggiudicataria dei servizi di derattizzazione, disinfestazione e antiblatte su tutto il territorio comunale.

Questo provvedimento, in definitiva – conclude Guido – frutto di una bellissima sinergia tra Comune, ASL, AQP e ditte, anche se porta qualche piccola incombenza in più ai cittadini, può rappresentare il punto di partenza di una strategia di cooperazione ampia tra enti, tra pubblico e privato, tra leccesi e amministrazione comunale. Negli interessi di tutti”.

L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’Ordinanza prevede una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 50 euro ad un massimo di 500 euro.



In questo articolo: