Veleni Pd, Durante «Ritrovare ragioni della buona politica»

Cosimo Durante, Capogruppo del Partito Democratico alla Provincia, esprime il suo dissenso verso l?immagine che il centrosinistra salentino da di sè©.

“Costruire, non distruggere”. Il Capogruppo del Partito Democratico alla Provincia Cosimo Durante esprime in una nota stampa il dissenso verso l’immagine che il centrosinistra salentino da di sé in un periodo precongressuale consumato da polemiche e veleni.

“L’immagine reale del PD non è questa. Non è una forza politica distruttiva, ma costruttiva, non è un partito lacerato, ma creativo e bisognoso di  novità. E’ riduttivo limitare tutto a quattro polemiche di cui leggiamo ogni giorno una nuova puntata, l’idea che anima l’azione dei Democratici è un po’ più alta”. Con queste parole Cosimo Durante, Capogruppo del Partito Democratico alla Provincia, commenta questo periodo precongressuale caratterizzato da polemiche, proteste, “denunce” e veleni.

Secondo l’ex Sindaco di Leverano “una conferenza stampa in meno e qualche dichiarazione non necessariamente quotidiana potrebbero aiutarci a far passare la sostanza del nostro pensiero e non gli orpelli”.
“Nel Pd si discute e tanto – prosegue – talmente tanto che talvolta sembra quasi di assistere ad una dialettica tra partiti avversi che ad un confronto tra compagni”.

Meno discussioni e più contenuti, dunque, questo il messaggio. “Il PD fa parte della storia della politica italiana, non viene da Marte e quindi non è del tutto immune da difetti e vizi del costume politico italiano. Ecco perché sarebbe quanto mai opportuno in questa fase ritrovare le ragioni della buona politica, fatta di unità, coesione e progetti seri per la gente”.

Quello che serve, secondo Cosimo Durante è “un clima disteso” attraverso il quale si  può “senza dubbio, favorire la ricerca degli equilibri interni per agevolare il cambiamento e la svolta, senza preclusioni o posizioni arroccate”.  Ci vuole apertura,  “ma anche lealtà e coraggio”, queste “le doti di cui ha bisogno specie in provincia di Lecce il nostro partito”.

“ Facciamoci largo attraverso le pochezze di certa politica  -conclude – e stacchiamo il biglietto per una partita nuova, dove sia garantita la partecipazione collettiva più che il rendiconto personale di questo o di quello.Permettiamo alla gente di assistere ad uno spettacolo più decoroso di quella faida interna che sta sfibrando il Centrodestra, preoccupato solo di salvare il destino del suo leader”.