Empoli-Lecce 1-1, salentini in vantaggio con Banda ma l’autorete di Rafia nega la vittoria

Quarto risultato utile di fila per i salentini, ma il successo è ancora rimandato. Sabato c’è il Frosinone dell’ex Di Francesco

Termina 1-1 la gara tra Empoli e Lecce, al gol di Banda, risponde l’autorete di Rafia subentrato da poco (le pagelle).  Per i salentini quarto risultato utile di fila, ma la vittoria, è ancora una volta rimandata.

Tornare alla vittoria dopo più di due mesi e sfatare il tabù “Castellani”, dove si è sempre perso.

Sono state queste le motivazioni con le quali questa sera i giallorossi di mister Roberto D’Aversa sono scesi in campo nella sfida che li ha visti opposti all’Empoli, compagine terz’ultima in classifica, ma che da quando siede sulla panchina Andreazzoli, dopo una serie di risultati negativi, ha iniziato a fare risultato e a risalire la china.

In occasione della partita con i toscani, l’allenatore dei salentini si è visto costretto a fare a meno di Almqvist lasciato a riposo precauzionale, ma ha ritrovato Kaba che, però, non è sceso in campo dal primo minuto.

Il tecnico abruzzese, quindi, si affida a difesa e centrocampo già visti all’opera con il Bologna, ma stravolge l’attacco. Nel reparto avanzato, infatti, è stato confermato il solo Banda, per il resto, spazio dall’inizio a Sansone e Piccoli al posto di Strefezza e Krstovic.

La formazione inziale

Il Lecce si è quindi schierato con il consueto 4-3-3 con: Falcone tra i pali, difesa composta da Gendrey, Pongracic, Baschirotto e Dorgu; Gonzale, Ramadani e Oudin in mediana; Banda, Piccoli e Sansone a comporre il tridente d’attacco.

Il primo tempo

Il primo squillo della gara è per i padroni di casa al settimo con la punizione di Bastoni dal limite con la sfera che termina alta. I salentini rispondo un minuto dopo con il colpo di testa di Pongracic deviato in corner dal portiere avversario. Al 13mo il tiro di controbalzo di Dorgu viene parato da Berisha. Al 16mo il colpo di testa di Cancellieri va di poco sul fondo. Al 19mo la girata in area di Piccoli termina alta. Al 25mo Piccoli, servito da Sansone manda fuori. Al 26mo percussione in area giallorossa di Cambiaghi che tira, ma Falcone respinge in corner. Sul calcio d’angolo Bastoni crossa per Luperto, ma il tiro del difensore leccese va fuori. Al 43mo Berisha si oppone con i pugni al tiro di Banda.

Il secondo tempo

La ripresa si apre con un cambio tra le file salentine, fuori Dorgu e dentro Gallo.

Il primo tiro, anche questa volta, è dell’Empoli con Grassi al 47mo, ma Falcone si distende e para. Al 53mo Grassi si ripete e tira al volo, ma anche questa volta l’estremo dei salentini si oppone e devia in corner. Al 59mo doppio cambio tra i salentini, dentro Rafia e Krstovic e fuori rispettivamente Oudin e Piccoli.

Giallorossi in vantaggio

Al 64mo i salentini sbloccano la partita. Banda riceve palla e dai 25 metri calcia, Berisha sbaglia la presa, il pollone passa sotto le gambe dell’estremo difensore albanese e termina in gol.

Due minuti dopo ci prova Rafia dal limite, ma questa volta il portiere dei toscani para. Al 70mo nuova sostituzione in casa Lecce, fuori Gonzalez e dentro Blin.

Pareggio di Rafia

Al 72mo i padroni di casa pareggiano. Cambiaghi riceve palla e crossa, la sfera sbatte su Rafia e prima sbatte sulla traversa e poi sul palo e si infila in porta.

Al 75mo Falcone para senza problemi la punizione dal limite di Marin. Al 76mo Cancellieri da pochi passi manda fuori. Al 78mo l’estremo difensore dei salentini sale in cattedra e al 78mo salva su Cambiaghi e un minuto più tardi compie un autentico miracolo il piatto a botta sicura dell’ex Luperto. All’81mo Banda ci riprova da fuori, ma spara altissimo. All’85mo ultima sostituzione in casa Lecce, fuori Ramadani e dentro Kaba. All’86mo la rovesciata di Gyasi termina fuori.

Il Lecce sfata il tabù “Castellani”, non esce sconfitto, ma anche questa volta non riesce a vincere. Dopo un primo tempo sostanzialmente alla pari, nella ripresa la compagine toscana entra più determina, ma incassa il gol di Banda, pochi minuti dopo, però, raggiunge il pari e mette alle corde i giallorossi che si salvano grazie a un grande Falcone. Sabato si torna in campo al “Via del Mare”, nella sfida contro l’ex Eusebio Di Francesco.



In questo articolo: