Cittadella-Lecce 1-2, i giallorossi sfatano il tabù. Ci pensano Coda e super Di Mariano

L’esterno ex Venezia migliore in campo, autore dell’assist per il vantaggio dell’Hispanico e a segno con il gol vittoria. Terzo successo di fila. Venerdì c’è il Monza.

Passati in vantaggio dopo dieci minuti, i giallorossi si fanno riacciuffare ingenuamente a pochi secondi dal termine del primo tempo, ma nel secondo, riescono a colpire nuovamente e a portare a casa i tre punti. Finisce 2-1 per capitan Lucioni e compagni la sfida contro il Cittadella di Gorini (leggi le pagelle).

Neanche il tempo di gioire per la bella vittoria infrasettimanale contro il Crotone che per i giallorossi è già tempo di tornare in campo.

Nel pomeriggio di oggi, infatti, i ragazzi di mister Marco Baroni, reduci da due successi di fila, sono scesi sul terreno di gioco dello Stadio “Tombolato”, nella sfida che li ha visti opposti al Cittadella.

La compagine salentina ha disputato la partita con lo scopo di raggiungere un doppio risultato, il primo, quello di dare continuità alla striscia positiva che va avanti dalla seconda giornata e il secondo, quello di sfatare un tabù che vede la squadra leccese mai vincente con i veneti.

Mister Baroni,, decide, rispetto all’incontro in Calabria, di effettuare diversi cambi, il tecnico toscano, infatti, ha concede un turno di riposo a Tuia, non in perfette condizioni fisiche, facendo scendere in campo Bjarnason, un cambio anche in mediana con Bjorkengren dall’inizio, in attacco, invece, fuori Strefezza e dentro Olivieri

La formazione iniziale

Il Lecce si schiera in campo con il consueto 4-3-3 con: Gabriel tra i pali; Difesa composta da Gendrey, Lucioni, Bjarnason e Gallo; Bjorkengren, Hjulmand e Gargiulo in mediana; Olivieri, Coda e Di Mariano a comporre il tridente d’attacco.

Il primo tempo

La prima occasione della gara capita ai padroni di casa dopo appena 33 secondi, quando Baldini supera Gallo e tira, ma la palla è respinta da Gabriel. Trarre solo un’altra manciata di secondi e il Lecce è miracolato. Okwonkwo, riceve la sfera, entra in area e solo davanti al portiere tira, il pallone supera l’estremo giallorosso, ma è respinto dalla traversa. Al sesto è ancora Cittadella. Okwonkwo si invola sulla fascia e crossa all’indirizzo di Baldini il cui tiro è respinto quasi sulla linea con il petto da Lucioni.

Lecce in vantaggio

Al 10mo minuto, alla prima occasione in cui si avvicinano all’area, i giallorossi vanno immeritatamente in vantaggio. Hjumand riceve palla e crossa all’indirizzo di Di Mariano che di testa la appoggia all’accorrente Coda, che di piatto, a porta vuota, deposita in rete.

Al 25mo il tiro di Hjumalnd viene respinto in corner da un difensore e termina in corner. Sul tiro dalla bandierina il colpo di testa di Gargiulo va a lato. Al 29mo la botta di Di Mariano da trenta metri viene parata in due tempi da Castrati. Al 37mo occasionissima per il Cittadella. Cross di  Donnarumma, Gabriel esce, ma perde il pallone che capita sui piedi di Perticone che si gira, la palla sembra destinata ad andare in gol, ma sulla linea respinge Lucioni.

Pareggio del Cittadella

Al 47mo dopo un gol annullato pochi secondi prima, arriva il pareggio dei veneti. Lancio lungo di Baldini per Okwonkwo, che prende palla, si libera di Gallo e dal limite scocca un diagonale che si insacca alla destra di Gabriel.

Il secondo tempo

La ripresa si apre con due cambi nel Lecce. Fuori Bjarnason e Olivieri e dentro rispettivamente Meccariello e Strefezza.

Al 53mo Coda ci prova da trenta metri, ma il pallone termina alle stelle. Al 56mo Cross di Di mariano, la sfera supera tutti e arriva all’Hispanico che da buona posizione si coordina, ma spara altissimo. Al 61mo Adorni tenta il pallonetto, ma il pallone va fuori. Al 64mo Giallorossi a pochi centimetri dal vantaggio. Contropiede di Bjorkengren, che passa a Strefezza che a sua volta cede la sfera a Coda, che prende la mira e con il sinistro manda di pochissimo a lato. Al 72mo la punizione dal limite di Baldini viene respinta da Gabriel. Al 74mo doppio cambio per Baroni. Fuori Bjorkengren e Gargiulo e dentro Rodriguez e Blin.

Di Mariano si conferma

Al 77mo arriva il nuovo vantaggio per i salentini. Coda prende palla e passa a Strefezza, l’esterno brasiliano avanza, alza lo sguardo e vede l’accorrente Di Mariano che si inserisce e a porta vuota trafigge per la seconda volta Kastrati.

All’80mo ultima sostituzione tra le file giallorosse. Di Mariano è costretto ad alzare bandiera bianca per un dolore all’inguine e al suo posto entra Paganini. All’87mo il piatto destro di Antonucci va fuori. Al 90mo ci prova Pavan da fuori, ma il pallone termina abbondantemente fuori. Al 93mo il tiro al volo di Tavernelli su sponda di Adorno finisce sopra il montante.

A parte i dieci minuti iniziali in cui hanno sofferto troppo, dopo il gol, i giallorossi hanno  acquistato coraggio e gioco. Con questa vittoria i salentini sfatano il tabù Cittadella, conquistano la terza vittoria di fila e confermano i progressi visti martedì scorso con il Crotone. Gli uomini di Baroni hanno saputo aspettare, colpire, controllare e anche soffrire. Venerdì sera si torna in campo nella sfida contro il Monza di Berlusconi.



In questo articolo: