Il post Brescia amaro di mister Corini, “Fatto errori che abbiamo pagato a caro prezzo”

Al termine della sfida persa contro le “rondinelle” il commento del tecnico dei giallorossi. Mercoledì prossimo si torna in campo contro la Cremonese.

“Abbiamo preso un brutto gol che potevamo evitare, ma poi abbiamo giocato con personalità, ma dovevamo essere più incisivi nella parte finale dell’azione, ma la percezione è quella che la squadra c’era e stava sviluppando gioco”, sono queste le parole del tecnico dei giallorossi, Eugenio Corini, alla fine dei 94 minuti di partita che hanno decretato la prima sconfitta stagionale del Lecce.

Una gara in cui la compagine salentina non è mai stata incisiva e nella quale, gol annullato a parte, non ha mai creato il benché minimo pericolo alla porta difesa da Joresen.

Al contrario, invece, le “Rondinelle”, mai impensierite, hanno saputo sfruttare al massimo le pochissime occasioni create, per lo più dovute agli svarioni difensivi della formazione salentina.

“Nel secondo tempo siamo ripartiti meglio, la sensazione è quella che l’inerzia potesse essere a nostro favore, hanno annullato il gol del pareggio, ma nel momento di massimo sforzo abbiamo preso il 2-0, su un errore nostro in uscita e si è fatto tutto più difficile, perché il Brescia difendeva e contrattaccava a campo aperto. Poi loro hanno segnato il terzo gol.

Il rammarico è che con certi avversari in alcuni momenti è fondamentale leggere la partita, fa parte del nostro percorso di crescita e sicuramente ci saranno molte cose su cui lavorare e consolidare ciò che vogliamo fare e ciò che vogliamo essere, perché oggi sicuramente qualche errore lo abbiamo fatto.

A livello difensivo è mancato il fatto di aver fatto degli sbagli e pagati a caro prezzo, sui primi due gol potevamo fare meglio, ma succede perché alcuni meccanismi bisogna rafforzarli nel tempo. Il rammarico, ripeto, è quello che nei momenti importanti loro hanno avuto qualcosa più di noi e siamo qui a commentare una sconfitta.

Le assenze a centrocampo sono importanti, ma anche con Ascoli e Pordenone c’erano, ma in quel caso siamo riusciti a reggere l’urto. Oggi lo abbiamo fatto in termini di prestazione, ma in termini di incisività e di margine di errore abbiamo sbagliato qualcosa”.



In questo articolo: