Lecce, ammainata un’altra bandiera: Mancosu verso Monza

Il capitano pare essere pronto a lasciare la fascia e ad accasarsi al Monza, club intenzionato a pagare al Lecce la clausola da 3 milioni. Un distacco doloroso, ma forse giusto.

Mancosu-Lecce, la lunga storia d’amore sembra essere al capolinea. Il centrocampista sardo, capitano dei giallorossi e uomo-simbolo della rinascita del Lecce degli ultimi anni, è in procinto di trasferirsi al Monza, altro club di B pronto tentare la storica impresa del doppio salto di categoria.

La notizia circolava già da giorni, ma nelle ultime ore ha preso sempre più consistenza. La dirigenza brianzola, guidata dal duo Berlusconi-Galliani, è pronta a versare nelle casse del Lecce la bella cifra di 3 milioni di euro, pari alla clausola rescissoria presente nel contratto di Mancosu e in scadenza domenica prossima, 20 settembre. Pochi giorni per prendersi Marco senza troppi giri di parole, ma pare che le parti (Monza ed entourage del giocatore) abbiano trovato la quadra su tutto.

143 volte in giallorosso

Non potrà certamente essere una separazione indolore per tutto l’ambiente salentino perchè Mancosu, giunto nel luglio 2016 grazie ad una delle prime intuizioni di Mauro Meluso, può certamente annoverarsi tra le bandiere della storia del club. 143 presenze e 40 gol realizzati, con annessa fascia di capitano, lo inseriscono di diritto tra i giocatori del Lecce più amati.

Dopo due anni in cui la B era stata solo sfiorata, Mancosu diviene tra i protagonisti assoluti della scalata del Lecce dalla C alla A: nell’anno della prima promozione realizza 7 reti, in cadetteria raddoppia a 13, ma è in Massima Serie che avviene da definitiva consacrazione, con 33 presenze e ben 14 gol messi che fanno di lui il secondo centrocampista più prolifico in stagione nei cinque maggiori campionati europei. Numeri che, però, non sono bastati al suo Lecce di centrare il terzo miracolo sportivo di fila.

lecce-cosenza-mancosu
L’esultanza di Mancosu (ph.Pinto)

Nell’ultima stagione, in particolare, ha attratto le attenzioni di molte società, ma il Lecce ha continuato a credere in lui, rinnovando il suo contratto fino al 2022, ma con l’inserimento di una clausola rescissoria pari a 3 milioni con scadenza il 20 settembre. Clausola che il Monza è intenzionato a pagare e che il Lecce, considerata anche l’età del ragazzo e l’avvio di un ciclo tutto nuovo, intascherà senza troppi pensieri.

Resta certamente il dispiacere sul piano umano perché il distacco da un uomo vero non sarà mai indolore. Nella mente riaffiorano tanti ricordi: la bandiera della Sardegna presente in ogni festa in campo, il suo primo gol all’esordio in Coppa Italia contro l’AltoVicentino, le sue accelerazioni in B e le sue prodezze ammazza-grandi in Serie A (indelebili sul piano delle emozioni e dello spettacolo i suoi gol all’Inter e al “San Paolo” di Napoli), fino alle lacrime in solitaria dopo l’ultima sconfitta contro il Parma.

Forse anche giustamente in questo momento, Mancosu ha deciso di andare al Monza: lì, con un ricco contratto pluriennale, cercherà di ripetere la storica impresa firmata col Lecce di centrare la seconda promozione consecutiva, da protagonista a 32 anni.

Marco è stato l’idolo di tutti e, certamente, continuerà ad esserlo.

La delusione di Mancosu (ph.Paliaga)

I brianzoli pare abbiano avvertito il Lecce già da alcuni giorni (i rapporti tra le due dirigenze è ottimo, come dimostrano gli affari conclusi negli ultimi mesi relativi a Lepore, Armellino, Chiricò e Donati) dell’intenzione di voler puntare su Mancosu.

Il Lecce ha preso atto della notizia e, chissà, se, una volta incassato il bonifico da 3 mln, proprio dal Monza non possa arrivare qualche altra pedina per completare la rosa a disposizione di mister Corini (possibile interessamento per l’attaccante Finotto).

Piace Hestad, Tsonev parte

Intanto, per quel che riguarda le trattative, il sodalizio di “Via Colonnello Costadura” è interessata all’esterno offensivo classe ’95 Eirik Hestad, attualmente in forza al Molde Fk. nel frattempo si registra una nuova partenza. il club giallorosso, infatti, ha ceduto, a titolo definitivo, Radoslav Tsonev al Levski Sofia, ma con una clausola: in caso di futura vendita da parte della squadra bulgara il Lecce percepirà una percentuale.



In questo articolo: