Lecce, carica Lucioni: “il nostro gioco non lo propone nessuno”. Ma contro il Carpi assenze pesanti

A pochi giorni dalla sconfitta di Cremona, a parlare è Fabio Lucioni: “in questo momento serve equilibrio nel guardare la classifica e nel preparare le partite. Il nostro è il calcio più bello della B”. Ma contro il Carpi out anche Vigorito, La Mantia e forse anche Calderoni.

C’è subito da voltare pagina in casa Lecce perché l’immeritata sconfitta di domenica scorsa rimediata a Cremona non deve far calare la tensione. Anzi. Alle porte c’è un turno di campionato che potrebbe sorridere ai giallorossi che domenica pomeriggio (ore 15) riceveranno il Carpi, galvanizzato dal successo contro il Padova e così torna a sperare nella salvezza, mentre le immediate inseguitrici per la corsa alla Serie A (ieri nel posticipo il Palermo ha battuto il Verona portando a -1 dal Lecce) saranno impegnate in delicatissimi incroci.

Ieri la squadra si è ritrovata ad Acaya per riprendere la preparazione, proseguita quest’oggi con un’altra seduta mattutina.

Contro la squadra allenata da mister Castori diverse e pesanti saranno le assenze in casa Lecce. Liverani, infatti, deve rinunciare agli squalificati Mauro Vigorito (espulso dopo l’incredibile errore nel match dello “Zini”) e bomber Andrea La Mantia che, diffidato, è stato ammonito – un po’ generosamente – in quel di Cremona. Ma non solo. Continueranno ad essere indisponibili Bovo, Fiamozzi, Cosenza e Scavone, e a questi potrebbe aggiungersi anche Marco Calderoni, infortunatosi alla coscia. Insomma, un bel grattacapo per il tecnico romano.

Non si demoralizza, però, Fabio Lucioni. L’esperto centrale, autentico faro della difesa salentina, tiene accesi i riflettori sul traguardo ambito e ambizioso. “In questo momento ci vuole equilibrio nell’analizzare il momento, nel vedere la classifica e nell’affrontare la prossima partita”, spiega in conferenza. Dobbiamo mettere alle spalle la sconfitta di Cremona, che ci ha visto soccombere nel risultato, ma è stata una gara nella quale abbiamo palleggiato bene e creato occasioni da rete. A Cremona abbiamo commesso degli errori, l’attenzione e la concentrazione fanno si che poi i singoli episodi girino  a tuo favore”.

Ma che il Lecce attraversi un buon momento di forma è sotto gli occhi di tutti. “La nostra squadra – prosegue l’ex Benevento – propone un gioco che non lo pratica nessuno. La mole di gioco ci porta ad essere propositivi e quando crei tanto, cercando di avere il pallino del gioco nelle tue mani, poi lasci qualcosa in fase difensiva. Io, sinceramente, la classifica non la guardo perché dobbiamo guardare esclusivamente in casa nostra ed esprimere il gioco che sappiamo fare, limando gli errori, poi alla fine vedremo dove saremo”.



In questo articolo: