Lecce, monday night a Venezia. Taba e Tom per una maglia: le probabili formazioni

Si torna al calcio giocato in casa Lecce dopo lo spavento per il caso-Scavone. Stasera il posticipo a Venezia: Tabanelli si candida per un posto in mediana, Falco in panchina. La Mantia-Palombi in attacco.

Sarà Venezia-Lecce la sfida che chiuderà la 23esima giornata di campionato di Serie B. Nel fine settimana appena trascorso, Brescia e Palermo continuano a scambiarsi la posizione in vetta (con i lombardi avanti di 1 punto), mentre alle loro spalle sopraggiunge il Benevento e rallenta il Pescara (fermato a Foggia sull’1-1). Il tutto in attesa del Lecce.

I giallorossi contano al momento due gare in meno: quella da disputare stasera e quella contro l’Ascoli non giocata la scorsa settimana, a causa dell’infortunio di Scavone che ha tenuto tutti col fiato sospeso.

Oggi finalmente è momento di rigettarsi a capofitto sul calcio giocato. I salentini hanno smaltito lo spavento “provocato” dal loro compagno e ora sono decisi a riprendere il cammino esattamente da dove lo avevano lasciato, dalla vittoria di Salerno. Compito tutt’altro che agevole: Venezia è un campo ostico e alcune defezioni rendono più difficili le scelte di Liverani.

Il tecnico deve infatti rinunciare, ovviamente, a Scavone, mentre Falco – convocato – sembra però a mezzo servizio dopo la ferita riportata al tallone. Difficile vederlo in campo al “Penzo”. Si apre quindi la corsa per un posto da mezzala: come lo stesso Liverani ha ammesso diverse sono le ipotesi. Tabanelli sembrerebbe il sostituto naturale di Scavone, ma c’è anche l’idea di arretrare Mancosu sulla linea dei tre. In tal caso sulla trequarti ci sarebbe una maglia per l’olandese Tom Haye.

Per il resto, pochi dubbi. Davanti a Vigorito spazio a Venuti, Lucioni, Meccariello e Calderoni; Tachtsidis sarà ancora una volta il regista, affiancato da Petriccione e da Tabanelli (al momento in vantaggio); Mancosu agirà dietro alle punte, Palombi e La Mantia.

Non pochi dubbi nemmeno per Walter Zenga. Il tecnico dei lagunari deve rinunciare per squalifica a due suoi perni: il difensore Domizzi e l’attaccante, ex di turno, Di Mariano. 3-5-2, ad ogni modo, con Vicario tra i pali Coppolari, Modolo e Fornasier in difesa, Zampano, Besea, Segre, Bruscagin e Zennaro in mediana, mentre in attacco, accanto a Rossi, Bocalon sembra in vantaggio su Geijo.

Tutta da seguire la sfida di questa sera che sarà diretta dall’arbitro Antonio Giua della sezione di Olbia. Calcio d’inizio alle ore 21 con diretta streaming su DAZN.



In questo articolo: