I giallorossi si svegliano tardi e perdono male. Le pagelle di Lecce – Cittadella

Prima sconfitta in campionato tra le mura amiche per il Lecce di Baroni che perde 1-2 contro un ottimo e concreto Cittadella.

Prima sconfitta in campionato tra le mura amiche per il Lecce di Baroni che perde 1-2 contro un ottimo e concreto Cittadella.

Pronti e via e la partita dei padroni di casa si mette subito in salita a causa del gran gol di Antonucci dopo appena 30 secondi di gioco. Prova a rispondere subito la squadra giallorossa con Strefezza che colpisce una clamorosa traversa da fuori area. Nel secondo tempo il Lecce si scopre troppo e Tounkara è lesto a sfruttare l’errore di Tuia, trafiggendo a tu per tu Gabriel. Il solito Coda prova a rimettere in piedi la partita nel finale con un gol dei suoi ma la partita termina sul punteggio di 1-2 in favore dei veneti (leggi la cronaca del match).

Di seguito le pagelle della formazione leccese:

Gabriel: 6
Incolpevole sulla rete subita dopo pochi secondi perché il tiro di Antonucci è davvero angolato, si rende protagonista dopo con interventi decisivi anche col vento a sfavore nel primo tempo. Nella seconda frazione meno pericoli ma anche sulla conclusione di Tounkara, lanciato solo a rete, non può far nulla.

Gallo: 6,5
In costante proiezione offensiva il terzino sinistro palermitano, spinge con costanza e puntualità.

Tuia: 4,5
Prima dello scivolone che regala lo 0-2 agli ospiti stava pulendo l’area di rigore con precisione poi anche lui si perde ed entra nel secondo tempo con troppa leggerezza.

Lucioni: 5,5
Si fa sorprendere dopo pochi secondi dal tunnel di Antonucci che poi trafigge Gabriel per il momentaneo vantaggio granata. Nella ripresa prova a smuovere i suoi e si fa vedere anche in attacco dove colpisce una traversa.

Gendrey: 4,5
Gioca un po’ col freno a mano tirato sull’out di destra il francese che risulta troppo timoroso nell’accompagnare le azioni d’attacco.

Hjulmand: 6,5
L’unico a salvarsi nel centrocampo giallorosso. Corre, lotta e prova a contrastare le sortite offensive del Citta. Nel finale regala una speranza al via del mare servendo l’assist per il gol di Coda.

Gargiulo: 4,5
Al rientro dalla squalifica si trova davanti i suoi ex compagni e gioca una partita mediocre, sbagliando anche controlli e passaggi semplici.

Majer: 5,5
Lo sloveno nel primo tempo prova a mettere in area di rigore palloni interessanti per Coda e compagni ma poi si spegne nel secondo tempo, lasciando il campo al 60′.

Strefezza: 6,5
Sempre super attivo sul fronte offensivo l’esterno d’attacco brasiliano che prima colpisce una traversa incredibile da fuori area poco dopo lo svantaggio e poi, spostandosi a ridosso delle punte, crea pericoli per la retroguardia del suo Cittadella.

Coda: 7
Nel primo tempo si abbassa tanto per aiutare la squadra nella manovra di gioco ma non ha molte occasioni per concludere a rete. Ce la fa solo nel finale di partita sfruttando l’assist di Hjulmand e battendo Kastrati realizzando il 13 esimo centro stagionale.

Listkowski: 5
Brutta partita del polacco che viene ben contrastato dai difensori veneti e non riesce mai a saltare l’uomo.

Dal 46′ Helgason: 5,5
Prova a farsi vedere in area di rigore con qualche inserimento e conclusioni troppo deboli o imprecise per impensierire Kastrati.

Dal 60′ Calabresi: 6,5
Entra col giusto carattere ma sembra essere l’unico a credere di ribaltare il risultato.

Dal 60′ Ragusa: 5,5
Ha sui piedi il pallone del 2-2 nel finale ma lo sbaglia clamorosamente.

Dal 68′ Rodriguez: 6
Lo spagnolo entra e subisce subito diversi falli, non riesce però a lasciare il segno.

Dal 78′ Barreca: s.v.

Baroni: 5
Un’enormità di palle perse dai suoi ragazzi, una sconfitta tutto sommato meritata visto l’approccio iniziale troppo morbido e la mancanza di pericolosità in area di rigore.
Nel secondo tempo prova a rimettere in piedi la partita con l’inserimento di Calabresi, Ragusa e Rodriguez variando il modulo e attuando un 4-2-3-1 ultra offensivo ma ciò non sortisce l’effetto sperato ma solo tanta confusione. C’è poco da pensare perché il campionato mette davanti subito il Monza, avversario diretto per la promozione.



In questo articolo: