“Percorsi di pietra, volti memorie e visioni di Cursi”, questa sera il secondo appuntamento

Si tratta di un evento in cinque incontri dal 20 luglio al 6 settembre tra cave, centro antico, ville storiche, paesaggi naturali, per raccontare i luoghi e la storia della “città della pietra”.

Prenderà il via questa sera il secondo appuntamento con “Percorsi di pietra, volti memorie e visioni di Cursi”.

Si parte alle 18,30 in Piazza Pio XII, per scoprire insieme alle guide di Ecomuseo della pietra leccese, le bellezze naturalistiche del parco delle cave, le meraviglie e la storia della pietra leccese.

Dopo il progetto Parco senza Confini, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il bando giovani per la valorizzazione dei beni pubblici, Ecomuseo mette in campo le competenze acquisite in una serie di appuntamenti e passeggiate per raccontare a turisti ed appassionati le bellezze del territorio.

Cinque incontri dal 20 luglio al 6 settembre tra cave, centro antico, ville storiche, paesaggi naturali, per raccontare i luoghi e la storia della “città della pietra” e scoprire sempre nuovi segreti e nuovi angoli architettonici e naturalistici.

A pomeriggio, durante il percorso, si potrà visitare una delle ville più belle del paese, Villa De Pietro,  la casa del senatore Michele De Pietro. L’avvocato nacque a Cursi e nella sua brillante carriera di politico ricoprì la carica di Ministro di Grazia e Giustizia, nonostante la carriera e la vita tra Lecce e Roma è sempre rimasto legato alla sua terra. Nel centro del paese la sua casa, ora diventata in parte un B&B, conserva un’architettura di giardini tra i più importanti del territorio salentino.

Il percorso si snoderà, poi, tra cave in attività e dismesse, dove la natura si è riappropriata degli spazi. Si percorreranno i luoghi di lavoro trasformati in cave giardino, si vedranno antiche segherie, dove un tempo la pietra veniva tagliata manualmente a “squadru”. Si parlerà di antichi metodi di lavorazione, quando ancora non erano in funzione i mezzi moderni ed elettronici e quando la fatica dell’uomo era tanta.

Si racconteranno storie e testimonianze di un territorio, come quello di Cursi, dove la pietra è sempre stata la protagonista della vita delle persone, che con il loro materiale e la loro fatica hanno reso celebre l’intero territorio che la conosce in tutto il mondo grazie al barocco leccese.

Info e prenotazioni 3341189461.



In questo articolo: