Informare e formare i leccesi alla raccolta differenziata, è questo il problema

Non poche difficoltà stanno incontrando gli operatori della ditta Monteco nell’informare i cittadini riguardo al nuovo servizio di raccolta dei rifiuti. La distribuzione dei kit sta andando procede e i cittadini che non ne siano ancora forniti sono invitati presso gli info point.

Il contratto tra la ditta appaltatrice del servizio di raccolta porta a porta e l’Amministrazione comunale è stato firmato. Le questioni giudiziarie sono archiviate, al momento. La nuova era della gestione dei rifiuti a Lecce è partita. Ora però arriviamo allo step più delicato: fare in modo che i cittadini entrino nell’ottica di un nuovo modo di raccogliere i rifiuti. Una piccola rivoluzione culturale, certo, dopo anni e anni di indifferenziata.
E come tutte le rivoluzioni, c’è bisogno di tempo e di pazienza perché un nuovo modus vivendi diventi ordinario.

La ditta Monteco di Campi salentina, come da crono programma, ha avviato l’info point presso Chiesetta Balsamo dove i leccesi – dal lunedì al sabato, dalle 11 alle 17 – non solo saranno aiutati a capirne di più, ma potranno anche ritirare il kit qualora la consegna a domicilio non sia andata a buon fine. La distribuzione dei kit a Villaconvento e nel quartiere San Pio – come già nel centro storico – sta procedendo, ma occorre far capire a tutti come funziona il nuovo sistema.

Il 4 maggio, data prevista per l’avvio della raccolta porta a porta, si avvicina e si spera non debba slittare. I bidoni distinti per colore a seconda del rifiuto che conterranno saranno presto nelle case e sui balconi degli abitanti del capoluogo, invitati a rispettare le poche ma preziose regole perché il servizio non subisca altri intoppi: l’orario di conferimento (dalle 22 della sera alle 5 del mattino successivo) e le modalità (i rifiuti dovranno essere composti in modo omogeneo secondo i consigli del foglio delle istruzioni).

Gli operatori Monteco, va detto, stanno incontrando non poche difficoltà ad entrare nella testa dei leccesi. Lo sforzo da parte dell’Azienda c’è tutto – fanno sapere i responsabili – ma l’impegno non può essere unilaterale. Occorre comprendere l’importanza del cambiamento, un cambiamento culturale non  facile, certo, ma essenziale per l’ambiente e, quindi, per tutti noi e le future generazioni. Perché si possa vivere in un mondo più pulito.

Le attività della ditta di Campi salentina proseguiranno senza sosta come da calendario. Disponibili alla cittadinanza anche i presidi mobili di porta Napoli e piazza Italia, dalle 9 alle 13.



In questo articolo: