Fidanzatini scomparsi, un’amica chiama la mamma di Alessandro: “Non cercateli”

“Stanno bene, ma non vogliono essere ritrovati”. Un’amica ha chiamato la mamma di Alessandro, il 17enne scomparso insieme alla fidanzatina più piccola di un anno. Le ricerche continuano.

Quando la mamma di Alessandro Boellis, il 17enne di Gallipoli scomparso nel nulla insieme alla fidanzatina, ha risposto al telefono sperava che dall’altra parte della cornetta ci fosse il figlio (come inizialmente avevamo riportato e sperato ndr).

Si trattava, invece, di una ragazza di Melissano – probabilmente un’amica della coppia – che recapitato alla donna un messaggio da parte dei due innamorati: «Stanno bene, ma non vogliono essere ritrovati». Nessuno dovrebbe cercarli, insomma. Una richiesta impossibile da accontentare.

La mamma del 17enne, che non riesce a darsi pace, dopo aver ricevuto la chiamata ha bussato alla porta della Caserma per consegnare nelle mani degli uomini in divisa un “tassello” importante nel puzzle da completare per cercare di riportare a casa i due ragazzi. Dal numero si risalirà all’identità della sconosciuta che, verso le 10.30 di questa mattina, ha rotto il silenzio piombato sulla coppia da più di 48 ore dando, almeno, qualche notizia.

La scomparsa mercoledì

Secondo quanto raccontato dalla donna durante la denuncia, il 17enne si è allontanato da casa alle 18.30 di mercoledì, portando con sé circa 250 euro. Particolare che fa pensare che si tratti di un piano studiato senza dire niente a nessuno, neppure agli amici. Anche la telefonata di oggi conferma, in qualche modo, i sospetti iniziali: si tratta di una fuga d’amore, la classica fuitina probabilmente programmata in segreto che, però, ha gettato nel panico due famiglie.

L’ultima volta che è stato visto, il 17enne indossava un paio di jeans neri, una maglietta dello stesso colore e delle scarpe da ginnastica. Il giovane è di corporatura magra, ha gli occhi castani e i capelli corti, neri.

Proprio ieri, tramite l’avvocato Speranza Faenza, la mamma aveva divulgato le generalità del ragazzo per aiutare, in qualche modo, nelle ricerche. Qualcuno potrebbe riconoscerlo dalla descrizione e chiamarlo per nome.



In questo articolo: