​Scivola dalla ‘Grotta del Drago’, paura per una donna. Altre due in difficoltà soccorse dalla Guardia Costiera

Nel corso dell’ultimo fine settimana di agosto, i militari del Compartimento Marittimo di Gallipoli, sono stati impegnati nell’attività di controllo e vigilanza nel territorio e nelle acque di giurisdizione. Numerose le richieste di soccorso.

Tragedia sfiorata, fortunatamente, alla ‘Grotta del Drago’, bellissima località nella Marina di Felloniche dove una donna si è fatta male scivolando dalla scogliera. In suo aiuto sono giunte due motovedette della Guardia Costiera che, non senza difficoltà, sono riuscite a trarre in salvo la malcapitata. Le unità navali, infatti, hanno dovuto operare in zone di mare rese particolarmente “insidiose” a causa dei bassi fondali e della vicinanza alla costa rocciosa. È stato soltanto grazie all’impiego di un militare specializzato nel soccorso e salvamento acquatico che non ha esitato a tuffarsi in acqua per prestare assistenza che è stato evitato il peggio. La donna è stata successivamente affidata alle cure mediche del personale del 118.
  
Altre due, invece, sono state soccorse nei pressi della “Grotta delle tre porte”. A causa delle forti correnti e colte dall’agitazione e dal panico, le bagnanti non sono più riuscite a raggiungere la propria imbarcazione ancorata a debita distanza dalla costa. È  stata, inoltre, prestata  assistenza ad un’imbarcazione in avaria con a bordo quattro persone.
  
Circa cinquanta, invece, sono state le chiamate giunte presso la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Gallipoli per segnalare condotte illecite lungo il litorale e richieste di soccorso.
  
Cambiando capitolo, nell’ambito dei controlli sulla filiera della pesca è stato sanzionato un pescatore professionista “pizzicato” al largo della Marina di Novaglie mentre esercitava l’attività. Nulla di strano se non fosse che aveva la licenza scaduta. Gli uomini in divisa, oltre ad elevare il previsto verbale amministrativo, hanno proceduto al sequestro dell’attrezzatura impiegata e  hanno avviato le procedure per l’assegnazione di punti di penalità al Comandante del motopeschereccio ed alla relativa licenza di pesca. Il pescato, dopo essere stato ispezionato dal personale medico veterinario competente, è stato dichiarato idoneo al consumo umano e devoluto in beneficienza. 
  
Insomma, anche nell’ultimo fine settimana di agosto i militari del Compartimento Marittimo di Gallipoli sono stati impegnati nell’attività di controllo e vigilanza nel territorio e nelle acque che ricadono nella loro di giurisdizione. E come ogni lunedì hanno effettuato un bilancio: in totale sono state effettuate duecentosessantadue verifiche, di cui centoquindici in mare e centoquarantasette a terra, che hanno portato all’elevazione di 89 sanzioni amministrative per un importo pari a circa 17mila euro.
 



In questo articolo: