Computer, televisori e webcam: tentano il furto a casa di due anziane. Bloccati dalla Polizia

Tentano il furto a casa di due anziane signore, ma la Polizia entra nell’abitazione e gli preclude la fuga. Si tratta di Gabriele Bizzarro ed Emanuele Dell’Anna, entrambi ventenni di Nardè². I due sono stato arrestati e condotti presso il carcere di Lecce

Le povere signore si son dovute affidate alle cure dei sanitari del 118 ieri sera, quando, poco dopo la mezzanotte, si son trovate i ladri in casa. Per calmarle e farle riprendere dallo spavento, ci son volute delle gocce rilassanti.
 
Erano le 00.20 quando alla centrale operativa del Commissariato di Polizia di Nardò è giunta la segnalazione di alcuni rumori sospetti, provenienti da un appartamento nella zona 167.
 
Due pattuglie delle Volanti sono immediatamente giunte presso l’abitazione, trovando la porta d’ingresso scardinata. Dall’esterno, poi, si udivano proprio i rumori sospetti poco prima segnalati.
 
I poliziotti hanno circondato la zona, chiudendo ogni possibile via di fuga, mentre due di loro si sono introdotti all’interno dello stabile.

E’ stato proprio al momento dell’irruzione degli agenti che i ladri -due giovani di Nardò- hanno tentato la fuga, approfittando del buio, attraverso un pozzo-luce attiguo. Ma gli agenti di Polizia sono riusciti a bloccare i fuggitivi all’esterno dell’appartamento in cui risiedono le due anziane signore.

In una stanza della casa i ladri avevano riposto con cura un televisore Lcd, un computer, una video camera ed un orologio, già restituiti al proprietario, un 68 enne di Nardò. 
 
All’interno del bagno, invece, sono stati rinvenuti e  sequestrati i "ferri del mestiere": un piede di porco ed una robusta punta di trapano a percussione.

Gabriele Bizzarro ed Emanuele Dell’Anna, entrambi 20enni originari di Nardò, dopo le formalità di rito sono stati arrestati per il reato di tentato furto aggravato in concorso. Su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica, il Dottor Giovanni Gagliotta, i due sono stati condotti presso il carcere di Lecce.