Gallipoli, cede parte del carro allegorico colpendo un ragazzo

La parte di un carro allegorico cede improvvisamente a Gallipoli, durante i festeggiamenti del carnevale, finendo col colpire un ragazzo. Per fortuna non è in gravi condizioni, ora si trova al ‘Fazzi’.

Questo pomeriggio, a Gallipoli, c’era in programma l’attesissima sfilata di carnevale. Una cornice di festa spettacolare – il cui programma prevede iniziative e manifestazioni varie sin al prossimo 17 febbraio – oltre che tradizionale, dovuta ai carri allegorici (realizzati dai maestri cartapestai del territorio salentino) trasportati lungo le vie della ‘Città Bella’ in Corso Roma e nei pressi di piazza Aldo Moro. Purtroppo, però, oggi qualcosa è andato storto, provocando lo sgomento del pubblico accorso numerose per assistere all’evento. Succede che uno degli imponenti carri si rompe improvvisamente. Ma, fatto ancor più grave, è che la parte crollata abbia finito per cadere sulla gente, schiacciando un ragazzo.

Uno deic arri in cartapesta, insomma, ha provocato feriti e contusi tra i giovani, tutti intorno ai vent'anni, che animavano il carro. Un ragazzo di 24 anni addetto ai meccanismi del carro ha riportato un trauma cranico che ha comportato perdita di coscienza. Per due ragazze che svolgevano il ruolo di figuranti il trauma, invece, è stato più lieve.

Ancora non risulta chiaro da cosa sia stato provocato il cedimento. Per fortuna le condizioni del giovane non destano grandi preoccupazioni, anche se ora si trova presso il ‘Vito Fazzi’ di Lecce, dove i medici della struttura sanitaria stanno effettuando i doverosi accertamenti. Non appena accaduto l’episodio, sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 a bordo di un’ambulanza. Nessun dubbio per il personale paramedico accorso tempestivamente nel tentativo di soccorrere la vittima: trasferimento all’ospedale gallipolino. E poi il trasferimento al ‘Fazzi’. Anche gli agenti della Polizia di Gallipoli, per i rilievi del caso, si sono recati sul luogo dell’incidente che ha rovinato la festa.



In questo articolo: