Irrompono nel suo studio con parrucche e coltello: rapinato ginecologo salentino

Un ginecologo salentino è stato rapinato ieri sera, intorno alle 20.00, da una coppia di malviventi armati di coltello e con in capo delle parrucche colorate. Via con denaro contante e cellulare. Indaga la Questura leccese.

Gli orari risultano essere sempre i soliti. Generalmente, le 20.00 di sera “fanno gola” ai malviventi salentini, ed il motivo appare piuttosto semplice. I professionisti della città terminano in quella fascia la loro giornata lavorativa, pronti a chiudere lo studio. Ed è proprio in quei frangenti, ovvero a visite o consulenze terminate, che emerge il piano ponderato: assalto improvviso, magari con arma alla mano, e richiesta di denaro. Insomma, rapine in piena regola. Scenario verificatosi ieri a danno di un ginecologo del capoluogo salentino.

Due uomini sono piombati all’improvviso dentro la sede entro cui svolge le sue attività brandendo in mano un coltello. Era rimasto solo, poiché aveva appena finito di visitare una paziente. Entrambi i malintenzionati si avvicinano così alla porta dell’ufficio, camuffati con delle parrucche colorate sul capo. Già questo dettaglio avrà allarmato non poco il noto medico. Pare che in un primo momento, la vittima abbia tentato di opporsi alle minacce della coppia di ladri. Quest’ultimi, però, hanno avuto la meglio – essendo anche in numero maggiore – costringendo il dottore a consegnar loro denaro e telefono cellulare.

Terminato il colpaccio, si sarebbero poi allontanati a bordo di un furgoncino bianco, con ogni probabilità del caso dalla marca Fiat Fiorino. Adesso, sul caso, stanno indagando i poliziotti della Questura leccese. Non si placano, dunque, gli atti di natura predatoria nel territorio. Giusto due giorni fa, ad esempio, la proprietaria di un Bar situato a Cavallino (a due passi da Lecce) venne rapinata intorno alle 2.00 di notte da ignoti individui col volto travisato. Su quest’altro fatto di cronaca, invece, ci stanno pensando i Carabinieri della stazione locale. 



In questo articolo: