La stupida pratica dei botti… È ora di smetterla

Purtroppo la primitiva pratica dei botti di Capodanno continua e continuano anche i feriti gravi a causa dell’esplosione di petardi. È tempo di seguire l’esempio di alcuni Comuni che li hanno totalmente vietati.

La cosa più brutta della feste di fine anno è il rituale idiota dei botti alla mezzanotte di Natale e soprattutto del Capodanno, un’ usanza che spesso produce danni, mentre i benefici non si riescono davvero a comprendere.

In effetti cosa ci sia di divertente nell’ascoltare rumori assordanti è difficile da capire, un conto è la buona musica, anche ad alto volume, un conto è ascoltare melodie e note armoniose, un conto è farsi spaccare i timpani. Ma fosse solo questa l’irragionevolezza dei botti… E’dimostrato che gli ospedali di ogni dove sono impegnati a far fronte alle conseguenze di quella mezz’ora di follia che segue la mezzanotte del Capodanno, mentre sarebbe molto semplice evitare ferimenti e soccorsi di emergenza facendo in modo di festeggiare in tutta sicurezza.

Un bel botto stappando una bottiglia di spumante, senza invece impegnarsi in  operazioni pirotecniche dilettantesche che spesso coinvolgono anche i bambini, tirati in ballo dall’irresponsabilità dei più grandi, o peggio ancora dei genitori stessi.

Non bastano a scoraggiare gli animi le gravi mutilazioni di cui apprendiamo dalla cronaca e nemmeno i morti che qualche anno abbiamo registrato, purtroppo si continua a fare questa cosa priva di senso.

Abbiamo accennato ai bambini ma poi vogliamo parlare anche dei poveri animali costretti ad una indicibile violenza. Tanti cani terrorizzati e in alcuni casi morti di spavento a causa delle sequenze roboanti di esplosioni… Bene stanno facendo, quindi, le associazioni animaliste a dichiarare guerra ai botti, siamo al loro fianco e siamo al fianco anche di quelle amministrazioni comunali che hanno emesso delle ordinanze di divieto, per tentare di arginare il fenomeno e innescare meccanismi di inversione di tendenza culturale, facendo capire che non c’è modo peggiore di farsi gli auguri se non esplodendo i famigerati botti.

Insomma le feste religiose da sempre sono state contrassegnate dai fuochi d’artificio, ma parliamo di quelli veri, in grande stile prodotti da professionisti del settore e organizzati nell’ambito delle feste patronali, magari o degli eventi più importanti, predisposti nella massima sicurezza.

Noi parliamo dell’esplosione dei petardi fai da te, quelli sì che prima o poi dovremo farli sparire dalla circolazione. E’ una battaglia che contrappone la gente civile e di buon senso a tutti coloro che non appartengono a questa categoria.



In questo articolo: