Legalità Diffusa ad oltranza: tre esercizi commerciali controllati, tutti ‘regolari’

Proseguono i controlli nell’ambito dell’operazione ‘Legalità diffusa: ad oltranza’. Questa volta i riflettori si sono accesi in diverse zone: Piazzale Stazione, Viale Oronzo Quarta, via Martiri d’Otranto, via Don Bosco, via Reale, Via Diaz, Viale della Repubblica, Piazzale Rudiae

Proseguono senza sosta i controlli voluti dal Questore, Leopoldo Laricchia che, all’indomani del suo insediamento in viale Otranto, ha voluto accendere i riflettori su quelle zone di Lecce percepite come “poco sicure” dai residenti e dai cittadini. L’operazione denominata «Legalità diffusa: ad oltranza» continua, dunque, a spron battuto con il chiaro intento di contrastare con ogni mezzo l’immigrazione clandestina, la prostituzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.
 
Quanto visto ieri, venerdì 21 luglio, in Piazzale Stazione, Viale Oronzo Quarta, via Martiri d'Otranto, via Don Bosco, via Reale, Via Diaz, Viale della Repubblica, Piazzale Rudiae è un copione già visto. Un déjà-vu. Come accaduto nei giorni precedenti, i riflettori degli uomini delle forze dell’ordine non si sono spenti come dimostra il ‘bilancio’ del servizio.
 
Tre sono stati gli esercizi commerciali finiti nel ‘mirino’ dei poliziotti, ma questa volta sono risultati assolutamente regolari.
  
Complessivamente sono state controllate più di 50 persone, 53 per essere precisi, di cui 10 extra-comunitari. Tra le persone controllate tredici sono risultati essere ‘volti già noti alle forze dell’ordine’ per alcuni precedenti di polizia.
 
Inutile dire che i servizi di controllo sulle città di Lecce e Gallipoli continueranno anche nei prossimi giorni e fino a data da destinarsi. 



In questo articolo: