Legati e rapinati in casa. Paura per due coniugi di Surbo

Nel pomeriggio di ieri alcuni malviventi si sarebbero introdotti nell’abitazione della coppia e avrebbero trafugato numerosi preziosi per poi dileguarsi. Sul posto i militari dell’Arma a cui sono state affidate le indagini.

Saranno stati momenti di vera e propria paura, se non di terrore, quelli che hanno vissuto nel pomeriggio di ieri un imprenditore e sua moglie a Surbo.

Intorno alle ore 18.00, infatti,  alcuni malviventi si sarebbero introdotti nella villetta di Cesare Leone, titolare di una tabaccheria nel comune salentino e dopo aver legato lui e la moglie si sarebbero fatto indicare i luoghi dove i due nascondevano i preziosi e, una volta impadronitosene, sarebbero fuggiti facendo perdere le proprie tracce.

A quanto pare i malviventi non avrebbero avuto difficoltà ad introdursi nell’abitazione posizionata sulla Surbo-Torre Rinalda, un po’ isolata dal resto delle altre costruzioni.

Approfittando dell’oscurità, avrebbero scavalcato il muro di cinta posto a protezione e sarebbero entrati dalla porta principale che non era chiusa a chiave.

Ingente il bottino trafugato, ancora in fase di quantificazione.

Sul posto, una volta dato l’allarme, sono giunti i Carabinieri della Stazione di Surbo e i militari di Lecce. Spetterà a loro, a cui sono state affidate le indagini, far luce su quanto accaduto.



In questo articolo: