Operazione “Labirinto”: annullate tre misure, altrettante confermate

Il blitz è stato eseguito il 2 luglio scorso dai Carabinieri del Ros. È stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 33 persone.

Il Riesame annulla tre “misure” relative all’Operazione investigativa “Labirinto”.

Il collegio (Presidente Fabrizio Malagnino, relatore Antonio Gatto, a latere Maddalena Torelli) ha accolto l’istanza della difesa per Giovanni Bergamo, 23enne e Alessandro Pallara, 33enne, entrambi di Monteroni, per i quali era stato disposto l’obbligo di dimora dal gip Antonia Martalò.

Inoltre, il Riesame ha annullato la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria per Jessica Pareo 35enne di Surbo.

Invece, è stata rigettata l’istanza per tre indagati detenuti in carcere. Si tratta di: Alessandro Scalinci 34enne di Guagnano; Tonio Totaro 40enne di Lequile; Massimo Cosi 47enne di San Cesario di Lecce.

Sono assistiti, tra gli altri, dagli avvocati: Massimo Bellini, Stefano Pati, Alessandro Costantini Dal Sant, Raffaele Benfatto, Luigi Rella, Dario Budano.

L’Operazione Labirinto

La vasta operazione investigativa “Labirinto” è stata eseguita il 2 luglio scorso dai Carabinieri del Ros. È stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 33 persone, tra cui due gruppi criminali associato al clan “Tornese” di Monteroni. Gli indagati rispondono a vario titolo ed in diversa misura di: associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi e altri reati aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento giudiziario scaturisce da un’attività di investigazione condotta dai pm Guglielmo Cataldi e Valeria Farina Valaori, che ha ricostruito gli assetti organizzativi della frangia salentina della Sacra Corona Unita, le attività di narcotraffico e i tentativi di infiltrazione dei clan in alcuni settori economici del litorale gallipolino, in particolare quello ittico e del servizio di sicurezza nei locali pubblici.



In questo articolo: