Ristoranti e centri ittici di distribuzione nel mirino della Guardia costiera di Gallipoli

Sono scattati sequestri e sanzioni amministrative lungo la catena di distribuzione salentina dei prodotti ittici a seguito di attività di verifica sul rispetto delle norme poste a tutela della salute del consumatore.

Provincia salentina battuta a tappeto ieri dai militari della Capitaneria di Porto di Gallipoli che hanno effettuato controlli lungo la catena di distribuzione del pescato, partendo da un centro di distribuzione fino ai locali di ristorazione, senza alcuno tralasciare.

Le verifiche sono state condotte in particolare presso uno dei maggiori centri di distribuzione dei prodotti ittici della provincia ed hanno portato al sequestro di più di un quintale di pescato, risultato privo di qualsiasi documento ed etichetta attestante la rintracciabilità del prodotto come previsto dalle normative europee, oltre alla contestazione di un verbale amministrativo.

L’attività di verifica, poi, è proseguita presso un ristorante, dove i militari hanno individuato del prodotto ittico fresco esposto alla clientela e pronto ad essere servito in tavola, risultato tuttavia di dubbia provenienza. Anche in questo caso i militari hanno sanzionato il trasgressore elevando una salata sanzione amministrativa.

Le attività di controllo si sono poi concluse presso un noto centro commerciale, dove, nell’ambito del reparto pescheria, erano esposte varie specie ittiche le cui etichette non fornivano al consumatore le informazioni previste dalle vigenti normative comunitarie e nazionali.

Al termine dell’attività ispettiva nell’intera filiera locale della pesca, oltre al sequestro del pescato, i militari della Guardia Costiera, nell’impegno alla salvaguardia della salute del consumatore e al rispetto della normativa di settore, hanno contestato in totale sanzioni amministrative pari a circa 5mila euro. 

Come sempre i controlli proseguiranno, soprattutto con l'arrivo delle festività natalizie, quando, come da tradizione, il pesce la fa da padrone sulle tavole di casa e ristorante.



In questo articolo: