Somali e pakistani sbarcano a Novaglie, presi i presunti scafisti

Nuovo sbarco sulle coste del Salento, arrivano nella notte a Novaglie 28 migranti somali e pakistani, tra loro anche 8 donne e un minori. Le attività coordinate da Guardia di Finanza e carabinieri hanno permesso l’arresto dello scafista.

Sono stati rintracciati intorno alle 2 della notte appena trascorsa in territorio della marina di Novaglie: 28 migranti a bordo dell’ennesimo barcone, guidato da scafisti senza scrupoli.
I clandestini, per metà di origini somale e per metà di origini pakistane – tra cui 8 donne e un bambino – sono stati avvistati e da qui, poco dopo lo sbarco, è scattato il breve inseguimento al gommone con a bordo due possibili scafisti.

Le operazioni sono state condotte dai carabinieri della Compagnia di Tricase e dagli uomini della Guardia di Finanza, reparto aeronavale di Otranto e Gallipoli. L’inseguimento in mare avvenuto quando il mezzo nautico stava per lasciare la costa, ha portato poi al fermo di due probabili “caronte” del mare, con l’accusa, tra le altre, di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I suggessivi interrogatori potranno dare fondatezza al sospetto.

Intanto, insieme ai volontari della Croce Rossa e al personale della Guardia costiera, i migranti sono stati trasferiti in pullman al centro di prima accoglienza Don Tonino Bello di Otranto per essere rifocillati e identificati prima delle operazioni di rimpatrio.

Una situazione difficile si registra ormai lungo le coste meridionali, soprattutto in Salento. Gli sbarchi si fanno sempre più numerosi, al di là delle condizioni del mare. In questi giorni l’Adriatico è stato agitato da forti venti di Tramontana eppure gli episodi non si sono fermati.

Un flusso migratorio significativo che parla di oltre 500 persone che hanno ingrossato le fila degli stranieri sbarcati in Italia, un fenomeno oggetto di studio senza dubbio, ma che dovrebbe portare la politica a ragionare sulla necessità di affrontare quella che ormai non è più emergenza, ma allarmante quotidianità.



In questo articolo: