Sparatoria alla stazione di servizio di Nardò, forse un “regolamento di conti”

Gli uomini in divisa stanno indagando per ricostruire quanto accaduto nella notte nella stazione di servizio alla periferia di Nardò

Se sia stato un “regolamento di conti” o un litigio degenerato al punto da impugnare un’arma lo stabiliranno le indagini. Fatto è che nel cuore della notte, la stazione di Servizio che si affaccia su via Aldo Moro, a Nardò, si è illuminata con la luce delle sirene delle Forze dell’Ordine intervenute sul posto per una ‘sparatoria’. Stando alle prime informazioni trapelate, sembra che uno dei responsabili non sia riuscito a farla franca. Grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza installate nel distributore, i Carabinieri sono riusciti a dare un volto e un nome a quello ‘sconosciuto’ che ha premuto il grilletto contro un’altra persona, al momento sconosciuta, che ha risposto sparando.

Sono stati alcuni automobilisti di passaggio a lanciare l’allarme. Nel giro di pochi minuti, nella stazione di servizio alla periferia di Nardò sono giunti gli uomini del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Gallipoli che insieme ai colleghi della stazione locale hanno dato il via alle indagini. Un proiettile, in effetti, avrebbe colpito l’auto di un ragazzo di Salice Salentino, estraneo alla vicenda, che si era fermato al bar del distributore di carburanti, con alcuni amici.

Si indaga sull’accaduto. Come detto, i filmati delle telecamere di videosorveglianza sono ora nelle mani degli uomini in divisa.



In questo articolo: