​Tagli allo stipendio per gli eletti e piu’ risorse per le periferie: L’Udc lancia il programma a sostegno di Delli Noci

Maggiore partecipazione dei cittadini, recupero delle periferie, una Cittadella dello Sport e taglio degli stipendi per gli eletti. Sono alcuni dei punti programmatici proposti dall’Udc a sostegno del candidato sindaco Delli Noci.

Si parte dalle periferie, snodo fondamentale del programma presentato dalla formazione di centro, Udc, a sostegno del candidato sindaco Delli Noci. Undici punti ben articolati nei quali il partito dell’On. Ruggeri illustra il suo apporto che implementerà l’azione di governo in caso di vittoria alla competizione elettorale in corso. L’impegno per i quartieri decentrati e più dismessi della città è stato ampiamente ribadito dal candidato sindaco della coalizione e trova spazio con la manutenzione stradale ordinaria, ma anche con il rifacimento del manto stradale ove necessario e un occhio di riguardo per l’allestimento agli spazi verdi dedicati ai bambini, alle attività ricreative e sportive. A queste ultime, le attività sportive, è dedicata un’intera sezione volta alla realizzazione  di una “Cittadella dello Sport”, con il sostegno di investimenti privati, su suolo comunale.

Nell’ambito delle politiche giovanili e innovative sarà creato un incubatore permanente d’impresa dedicato ai più giovani, orientato alla formazione ma anche alla fruizione delle offerte di finanza agevolata in materia di Start Up.
“Il centro storico di Lecce – si legge ancora nel programma presentato dall’Unione di Centro –  ha bisogno di una maggiore cura riguardo la pulizia delle strade e la cura dei luoghi di pregio. Inoltre, è necessaria una maggiore caratterizzazione dei negozi e delle botteghe in modo da privilegiare le attività artigianali e collocarle preferibilmente lungo determinate vie di transito, in modo che i prodotti della nostra tradizione siano maggiormente visibili al turista e quindi valorizzati. Saranno anche promossi laboratori ‘di strada’ per la creazione, sul posto, di manufatti artigianali”.

Un occhio di riguardo, inoltre, è rivolto all’emergenza abitativa con il recupero di immobili attualmente in stato di abbandono e che necessitano di una riqualificazione.
Trovano spazio anche punti programmatici sulla logistica, intesa come strategia per rendere maggiormente attrattivo il territorio, le politiche per il lavoro, sociali e welfare. In questa ottica è prevista l’erogazione di una  “Carta dei Servizi” che renda note le opportunità fruibili relativamente al Piano di Zona.

Strumento preminente dell’azione amministrativa  – si legge nel programma – sarà la partecipazione popolare, prevista dal Titolo II dello Statuto del Comune;  regolamenti ad hoc saranno introdotti per consentire ai cittadini di far valere il proprio diritto, ai sensi dell’art. 13.  Stesso ragionamento verrà applicato sugli Organismi di partecipazione e consultazione.

Chiosa il programma elettorale dell’Udc la promessa che i consiglieri eletti nelle fila dell’Udc procederanno ad autotassare i propri emolumenti: si tratta di una decurtazione mensile dello stipendio pari al 10% dello stesso, devoluto in un fondo tenuto dal partito. Al termine dell’ anno,  l’importo complessivo del fondo sarà oggetto di un bando aperto alla cittadinanza con concorso di idee,  per l’apertura di imprese innovative proposte da disoccupati da almeno sei mesi, con ISEE familiare non superiore ad euro 5.000. Il fondo verrà ripartito tra i primi classificati al concorso  come contributo alle spese di avvio d’impresa. 

Alla conferenza di presentazione delle linee programmatiche, tenutasi presso la sede leccese dell'Udc, erano presenti Massimiliano Romano, consigliere provinciale, il candidato sindaco Delli Noci ed il vice coordinatore provinciale, Guido Gustapane.

"Nelle ultime settimane – ha commentato Paola Bruno, commissaria cittadina Udc – ci siamo riuniti noi tutti candidati nella lista  presso la sede del Partito a Lecce ed abbiamo scritto il nostro programma per le amministrative, che il candidato sindaco Alessandro Delli Noci ha accolto ad integrazione di quello più ampio, relativo a tutte le liste che lo sostengono. Abbiamo disegnato la nostra idea di città – ha spiegato la Commissaria – in alcuni spunti di riflessione che vanno dalle periferie al centro storico, alle politiche sociali, alle politiche del lavoro, al bilancio partecipativo. Particolare attenzione e' stata dedicata ai giovani ed alla realizzazione di un incubatore d'impresa per start up innovative a sfondo sociale. Noi immaginiamo una città bella da vivere, gradevole ed interessante per i turisti e per i cittadini, pulita e curata in tutti i suoi spazi, accogliente per tutti, anche per le persone deboli o in stato di bisogno. Abbiamo individuato il modo per realizzarla e  ci impegneremo per questo al fianco del nostro candidato Sindaco".



In questo articolo: