Dipendenti Lupiae Servizi, stipendio di maggio a tranche: sit-in sotto Palazzo Carafa

I dipendenti della Lupiae Servizi sono in assemblea davanti a Palazzo Carafa, contrariati dalle decisione dell’azienda di pagare lo stipendio di maggio in due tranche. L’assemblea dei lavoratori durerà fino alle ore 12.00.

Non c’è pace per i dipendenti della Lupiae Servizi, società in house del Comune di Lecce, oggi in stato di agitazione. E la motivazione appare piuttosto semplice. Stando ad una lettera inviata dall’azienda alle organizzazioni sindacali lo scorso 8 giugno, le mensilità di maggio 2015 verranno corrisposte in due tranche: metà entro il 12 giugno, mentre l’altro 50% al 23 dello stesso mese. Tanto è bastato, com’è ovvio, per creare disagi nei lavoratori. Del resto, avendo delle famiglie a carico, risulta sempre più complicato gestire le economie interne davanti a tasse, spese e oneri vari.

Immediata, dunque, la reazione delle sigle sindacali FILCAMS Cgil, FISASCAT Cisl, UILTUCS Cisal, UGL Ter, SLAI Cobas e USPPI. Richiesta precisa alla società partecipata: pagamento dello stipendio di maggio mediante un’unica soluzione. Da qui, la protesta avvenuta nella mattinata odierna sotto il portone di Palazzo Carafa. O meglio, un’assemblea di ben quattro ore programmata nella fascia oraria 9.00-12.00. E fino a che il tempo del sit in non si esaudirà, sperando nel frattempo che qualche responsabile fornisca risposte in merito, gli operatori aspetteranno mezzogiorno.

Già persiste da circa due anni il contratto di solidarietà. Uno strumento che ha permesso la sopravvivenza della Lupiae Servizi proprio nel maggior periodo di crisi economico-finanziaria (peraltro a Marzo, durante una conferenza stampa, i vertici societari annunciarono l'inversione di tendenza dovuta all'ottenimento dell'attivo in bilancio nel 2014). Va da sé che una retribuzione tarda implicherebbe ulteriori complicanze alla quotidianità di queste persone. Stamattina, cercavano in tutti i modi di contattare qualche esponente politico per ottenere delucidazioni. O quantomeno confrontarsi, imbastire un dialogo. Ancora le lancette dell’orologio non hanno scottato l’ora di punta, pertanto eventuali dettagli maggiormente approfonditi potrebbe emergere nei prossimi minuti. 



In questo articolo: