Ex Massa, il Consiglio di Stato respinge il ricorso del Mibact. Ripartono i lavori

È stato respinto il ricorso del ministero e l’iter per il restyling dell’area potrà avere una nuova ripresa verso l’attuazione del progetto che sarà a firma della ditta esecutrice dei lavori De Nuzzo.

Un iter lungo lunghissimo per ripristinare un’area che da troppo tempo, nel cuore della città di Lecce, è diventato ricettacolo di erbacce, sporcizia e degrado. Parliamo dell’area ex Caserma Massa che fino a qualche anno fa ospitava il mercatino dei fiori – spostato un po’ più avanti nei presso di piazzetta Libertini – e una zona parcheggio a strisce blu.

L’intuizione di rifare il volto a quell’angolo di città dette vita a un progetto per la riqualificazione dell’area, realizzando un centro direzionale e commerciale con tanto di parcheggio interrato da circa 500 posti. Quest’ultimo considerato ovviamente un respiro in più per il traffico cittadino e una delle soluzioni per porre fine alla questione parcheggi.

Il cantiere venne aperto, la zona recintata. Ma il primo venne bloccato perché al momento degli scavi vennero trovati reperti archeologici di grande importanza – di cui possiamo dire che il sottosuolo leccese sia pieno – e la seconda è ridotta ad oggi a brandelli dal vento e dall’incuria.

Da qui un iter lunghissimo tra interventi della Sovrintendenza ai Beni culturali, ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, col Ministero per i Beni e le Attività Culturali che è sceso in campo con il suo stuolo di legali.

A Novembre 2014 un importante accordo siglato a Bari aveva fatto sperare e gioire per la ripresa dei lavori a gennaio 2015. E invece, lo sappiamo tutti, così non è stato.

Oggi, però, si può credere che un re-start ci sarà davvero perché il Consiglio di Stato ha dichiarato improcedibile il ricorso del ministero dei Beni culturali contro la sentenza del Tar di Lecce che aveva annullato la nota della Soprintendenza e, quindi, le nuove prescrizioni alla ditta esecutrice dei lavori previsti nell’area dell’ex Caserma Massa a Lecce.

Le prime manifestazioni di soddisfazione – dopo, com’è ovvio, gli addetti ai lavori – arrivano da Angelo Tondo, presidente della Commissione Urbanistica del Comune di Lecce.
“Esprimo vivo compiacimento per la pronuncia del Consiglio di Stato – evidenzia – che credo costituisca la rimozione dell’ultimo ostacolo verso l’avvio dei lavori per il restyling dell’area e per la costruzione di un centro direzionale e commerciale con parcheggio interrato. E’ una piega delle complicata vicenda dell’ex Massa che mi soddisfa personalmente, avendo inseguito questo risultato sin da quando ero assessore ai Lavori Pubblici. Del resto, un intervento in quel sito è atteso da decenni e possiamo tranquillamente affermare che oggi sia molto più vicino. Quel progetto, con le necessarie e dovute rimodulazioni, può finalmente diventare realtà”.



In questo articolo: