Filobus, Perrone: Rotundo, tanto rumore per nulla

Interviene Perrone sulla vicenda del filobus e precisa che i finanziamenti non andranno persi e che invece la prossima settimana giungeranno a Lecce due dei quattro veicoli rimasti ancora in Belgio.

Sulla vicenda del filobus cittadino interviene il sindaco Paolo Perrone: “Noi pensiamo solo a risolvere i problemi. I soldi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non andranno persi.

E’ proprio il caso di dire tanto rumore per nulla. Sulla vicenda del filobus cittadino registriamo l’ennesimo scivolone del consigliere Antonio Rotundo. Il presidente della Commissione controllo e garanzia ha deciso inopinatamente di convocare la sua commissione per discutere di un argomento arcinoto e abbondantemente superato dai fatti”. A parlare è il sindaco Paolo Perrone, all’indomani delle polemiche sollevate dall’opposizione in merito alla partenza della seconda linea del Filobus, prevista per il 19 settembre (pre-esercizio) e al rischio di una eventuale perdita dei fondi. Stando alle parole del primo cittadino, il decreto del Cipe, nel quale si fa riferimento al finanziamento di 12 milioni di euro, risale al 6 dicembre 2011 ed è stato pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale lo scorso 1° marzo, addirittura più di sei mesi fa. Quello del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, inoltre, è un atto dovuto che scatta allorquando, decorsi determinati tempi tecnici, si registra un ritardo nella realizzazione di un’opera pubblica finanziata dallo stesso Ministero.  “Non è affatto un caso che tutti gli ultimi adempimenti tecnici e burocratici siano stati effettuati in comune accordo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del suo braccio operativo regionale dell’Ustif” – sottolinea Perrone.

Una sinergia essenziale per arrivare quanto prima all’attivazione dell’intero sistema filoviario. Il 24 luglio c’è stato anche un incontro a Roma con i vertici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nella quale si è concordata una serie di attività da avviare nel mese di settembre. “A sostegno di tali accordi – sottolinea Perrone – in collaborazione con gli uffici comunali e le ditte che hanno realizzato l’impianto filoviario, abbiamo provveduto ad inoltrare la richiesta di immissione in servizio di due degli altri quattro autobus presenti su Lecce, nonché la richiesta di attivazione della linea 1 (1/A e 1/B)”. 

La manutenzione degli ultimi due veicoli presenti a Lecce sarà ultimata entro la corrente settimana. 

Nel corso della settimana entrante giungeranno a Lecce due dei quattro veicoli rimasti ancora in Belgio, mente gli altri due arriveranno subito dopo. Si tratta, dunque, di una programmazione concordata passo dopo passo in occasione degli  incontri e dei contatti quotidiani che gli uffici comunali intrattengono con i vertici dell’Ustif e del Ministero. “Posso tranquillamente affermare, dunque – conclude Perrone – che i soldi erogati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non andranno persi, così come surrettiziamente il consigliere Rotundo ha tentato di somministrare, ai cittadini leccesi. Una notizia rivelatasi del tutto infondata”.



In questo articolo: