‘Lecce non è una città per giovani. Prevediamo progetti che portino entusiasmo e ottimismo’, la sfida di Marco Nuzzaci

Lancia la sua ultima proposta prima del voto il giovane candidato dell’Udc: ‘Pensiamo ad un piano economico fondato sulla cultura, sul lavoro e sullo sviluppo del nostro territorio, facendo accostare i giovani alle tradizioni e alle ricchezze che la nostra terra può offrire’.

Si chiuderà questa sera la campagna elettorale per le amministrative del 2017 con il tanto atteso silenzio elettorale che regalerà alla città 24 ore di riflessione prima del voto e del responso delle urne previsto per domenica notte.
 
Nella serata di oggi ci saranno quindi gli ultimi appelli al voto dei sei candidati a sindaco (chi dal trax Road, chi da Piazza Sant’Oronzo chi dal Rione Casermette, chi da Piazzatta Santa Chiara), ma non mancano le ultime sfide lanciate dai candidati al consiglio comunale, soprattutto da parte dei più giovani che tanto hanno creduto nella sfida democratica per entrare a Palazzo Carafa e da qui giocare un ruolo determinante per il rilancio della città.
 
A prendere la parola è Marco Nuzzaci dell’Udc, partito che ha scelto di candidarsi a sostegno di Alessandro Delli Noci, per ribadire il suo impegno a favore dei giovani: ‘Nelle ultime ore di campagna elettorale colgo l’occasione di mettere in evidenza un problema sotto gli occhi di tutti anche a Lecce: la mancanza di opportunità per i giovani. E’ da qui che dovrà iniziare il cambiamento culturale di questa città che ha nei giovani, la speranza di un futuro migliore. Ad oggi, tra disagio socio-economico e evasione scolastica, i nostri ragazzi sono spesso impressionati dal falso mito del guadagno facile e dalla legge della prepotenza. L’intervento delle istituzioni non basta se poi a non essere pronto è il territorio locale’.
 
Ripartire da cultura e lavoro, secondo Nuzzaci, è la ricetta giusta. L’unico modo per rendere protagonisti quei ragazzi che non riescono a sentirsi realizzati, che non trovano un tessuto sociale in grado di comprenderli e assecondare le proprie ambizioni e le loro visioni del modo. Come farlo però? Ecco le proposte del giovane candidato: ‘Prevediamo a Lecce dei laboratori periferici con attività dedicate all’arte (cinema, teatro e musica) all’educazione e alla cittadinanza attiva. L’idea è quella di creare e diffondere idee artistiche e creative rivolte ai giovani che amano creare e sperimentare. Rendendoli protagonisti positivi nel territorio, valorizzando i loro talenti e insegnando ad avere una visione proiettata al futuro. Purtroppo tra gli adolescenti esiste la paura del diverso, del fare delle scelte, il timore di essere giudicati e di non essere all’altezza.’ 



In questo articolo: