Mangiare sicuro, mangiare sano. Confesercenti e Regione indicano la strada

La sicurezza alimentare è stato l’argomento protagonista di un importante seminario voluto da Confesercenti Lecce per accrescere la consapevolezza dei consumatori su ciò che si mangia in un’epoca quale la nostra di prodotti contraffatti e non originali, che fanno male alla salute

La sicurezza alimentare, etichettatura, allergeni e tracciabilità è stato il tema dell’interessante convegno che Confesercenti Lecce ha organizzato nell’ambito della fiera Agrocepaciok.

Si tratta di uno degli argomenti principali di attenzione e preoccupazione dei cittadini che hanno sempre più necessità e desiderio di sapere cosa si mangia e come si produce, con quali materie prime e quali procedimenti. In sintesi la sicurezza alimentare investe interamente la vita delle persone e la reputazione del sistema agro-industriale del nostro Paese, la sua credibilità e affidabilità.

Tra i nodi più rilevanti vi è certamente quello della cosiddetta “tracciabilità” dei prodotti, concetto che rimanda alla possibilità di risalire lungo la filiera ai vari stadi dei processi di produzione, confezionamento, stoccaggio e distribuzione; la tracciabilità deve essere vista come elemento prezioso e distintivo dell’offerta e del servizio dei consumatori, e non invece come un vincolo. Un concetto su cui Confesercenti sta battendo da tempo.

In questo senso particolare significato viene assunto dalla comunicazione che riveste un ruolo strategico ed essenziale. Occorre infatti fornire le giuste informazioni per accrescere nei consumatori la consapevolezza del caso.

Al convegno, aperto dall’introduzione del direttore di Confesercenti Lecce Antonio Schipa, hanno preso parte in qualità di relatori la biologa Milena De Biase e la dirigente del dipartimento di prevenzione della ASL di Lecce Anna Elisabetta Persano, affiancate dal funzionario del servizio attività economiche consumatori della Regione Puglia Giulia De Marco e dal dirigente delle stesso servizio Teresa Lisi.

In occasione della presentazione del progetto è stato diffuso un opuscolo informativo alquanto esaustivo, che spiega ed illustra in modo efficace e concreto e con una grafica particolarmente significativa tutti gli obblighi, le regole e le attenzioni che devono essere messi in atto per rendere la sicurezza alimentare una frontiera alla portata quotidiana.