Next Nardò – Apu Old Wild West Udine 91-100. Il roster di Coach Battistini sconfitto al Pala San Giuseppe da Copertino

Nonostante una buona prestazione, Nardò cade al Pala ‘San Giuseppe da Copertino’ di Lecce sotto i colpi della corazzata Apu Old Wild West Udine, capolista del Girone Verde.

Niente sorpresa nell’uovo di Pasqua per la Next Nardò che nel primo incontro della fase a orologio, nonostante una buona prestazione, cade al Pala “San Giuseppe da Copertino” di Lecce sotto i colpi della corazzata Apu Old Wild West Udine, capolista del Girone Verde.

Partono bene gli ospiti con i due statunitensi Lacey e Walters che vanno subito a segno e portano i bianconeri sul +6 (2-8). Ma la Next reagisce in fretta: prima agguanta il pari grazie alla tripla di Ferguson (8-8) e dopo quattro minuti di gioco conquista il primo vantaggio grazie ai liberi trasformati da Thomas. A metà periodo ancora una volta Ferguson è letale dall’arco e regala il +6 ai padroni di casa (16-10). I bianconeri subiscono le iniziative dei granata e riescono a riportarsi avanti solo a 51 secondi dalla fine del primo periodo grazie a una tripla di Mussini (18-20). La tripla allo scadere di Amato sigilla il primo parziale sul 21-23. In avvio di seconda frazione la schiacciata a due mani di Esposito consente ai friulani di riportarsi sul +6 (30-36). Ma la formazione di coach Michele Battistini non si lascia intimorire e infligge un parziale di 7-0 agli ospiti, riuscendo nuovamente a ribaltare il risultato a metà periodo (37-36). Il confronto prosegue a suon di triple: quella di Italiano a 39 secondi dall’intervallo lungo porta il team di Boniciolli sul +7 e chiude il primo tempo sul 48-55.

Nei primi minuti del terzo quarto l’Old Wild West tocca quota +8 grazie a Mussini, che realizza dall’area e subisce fallo da Thomas. Dopo due minuti di gioco Pellegrino dalla lunetta fa 2/2 e aumenta ulteriormente il divario tra le squadre (53-62). A 3 minuti e 33 secondi dalla terza sirena sono ancora 9 i punti di distacco grazie a Esposito, che conquista rimbalzo offensivo dopo il tentativo da tre fallito da Ebeling e trasforma il libero concesso per fallo di Thioune. Il primo +10 friulano, invece, coincide con la prima tripla di Cappelletti (66-76). A un minuto e 14 secondi dalla terza sirena La Torre commette fallo su Giuri fuori dall’area e il numero 21 bianconero trasforma i tre tentativi concessi dalla terna arbitrale per il +11 (68-79). La tripla di Amato a 46 secondi dalla terza sirena fissa il parziale sul 71-79. In avvio di ultimo periodo, i bianconeri provano a chiudere l’incontro: Esposito e Nobile (tripla) consentono all’Apu di toccare il +14 (71-85). La Next comincia a non avere più le energie sufficienti per contrastare la forza degli avversari. Cappelletti e Lacey ne approfittano: a metà periodo sono 17 i punti di divario tra i due team (74-91). Nei minuti successivi Nardò accorcia con Ferguson (81-91) e a tre minuti e 16 secondi dalla conclusione del match si porta a -8 grazie a La Torre (87-95). Nardò prova ad accorciare il divario ma Udine difende bene e conclude la gara con il punteggio a tre cifre, 91-100.

Tabellino

Next Nardò – Apu Old Wild West Udine: 91-100 (21-23, 48-55, 71-79)

Next Nardò: Tyrtyshnik ne, Poletti ne, Fallucca 9, Capelluti, Jankovic, Ferguson 20, La Torre 12, Jerkovic 3, Thomas 23, Thioune 2, Amato 22.

Apu Old Wild West Udine: Cappelletti 11, Walters 16, Mussini 14, Esposito 10, Giuri 15, Nobile 3, Pellegrino 6, Italiano 11, Lacey 14, Ebeling.

(Photo credits: @Andrea Cecere)



In questo articolo: