Benevento-Lecce 1-1. Miccoli in goal, ma anche questa volta si ringrazia Caglioni

I giallorossi escono imbattuti dal Ciro Vigorito di Benevento, fra sette giorni si decide tutto al Via del Mare nella sfida di ritorno della semifinale play off; Il Lecce vuole la finale per il salto di categoria.

Finisce pari la semifinale di andata dei Play Off. Salentini in vantaggio grazie ad una punizione del capitano. Pareggio di Mancosu a metà della ripresa. I giallorossi, però, ringraziano nuovamente il loro portiere che salva la porta in tre occasioni. Domenica ritorno al "Via del Mare"
Mettersi alle spalle la pessima prestazione vista con il Pontedera, ritrovare la forma fisica assente con i toscani e cercare di fare il minor numero di errori possibili allo scopo di mettere un primo tassello verso la qualificazione alla finale dei Play Off del Girone B della Lega Pro per cercare di accedere al Torneo cadetto. 
Questa sera i giallorossi di mister Lerda sono stati impegnati allo stadio "Ciro Vigorito", nella semifinale di andata che ha visto di fronte capitan Miccoli e compagni al Benevento di Fabio Brini che l'anno scorso ha beffato, quando sedeva sulla panchina del Carpi, la formazione salentina conquistando la Serie B. 
Per la sfida con la compagine campana il tecnico di Fossano ritrova Papini e Miccoli, ma fa scendere in campo molte novità nell'undici iniziale. L'allenatore piemontese, infatti, non rinuncia a Salvi che affianca Papini ed esclude contemporaneamente Bellazzini e Doumbia sostituiti rispettivamente con Ferreira Pinto e Beretta e Bogliacino, nuovamente dal primo minuto, ad agire da trequartista alle spalle del "Romario del Salento".
Quello che si vede nei primi minuti della gara è un Lecce attento che non disdegna le incursioni, a piccoli passi, nei pressi dell'area di rigore campana. Al 16mo il Benevento si affaccia dalle parti di Caglioni con un bel cross parato dall'estremo difensore leccese. Al 28mo Benevento vicino al goal. Cross di Campagnacci il pallone viene deviato da Lopez che rischia di segnare nella propria porta. Fortunatamente Caglioni vola a deviare la palla in corner compiendo un autentico miracolo. Al 33mo Miccoli tenta l'acrobazia in area, ma il pallone va fuori di molto. Al 39mo la partita si mette in discesa per i giallorossi. Punizione di Miccoli dal limite, il pallone viene intercettato da Mengoni che disorienta il proprio portiere che non riesce  a parare la sfera. Mi minuto di recupero un tiro-cross di Beretta termina a lato. Pochi secondi dopo i campani vanno vicini al pareggio. Botta da fuori di Campagnacci sulla quale Caglioni compie il secondo miracolo di giornata. Sull'azione successiva e Ferreira Pinto a provare il tiro respinto da Baiocco. Sulla ripartenza mancosu, solo davanti al portiere manda alta la palla del pareggio. Dopo l'azione campana l'arbitro manda i calciatori nello spogliatoio. 
I salentini scendono in campo nella ripresa con gli stessi undici della prima frazione. Al terzo un disimpegni errato di Caglioni fa rischiare il Lecce, ma la difesa attenta evita il peggio. Al sesto Evacuo si avventa a colpo sicuro su una punizione di Mancosu, ma a evitare il pareggio ci pensa per la terza volta Caglioni che respinge di piede un tiro destinato a finire dentro la porta. Al 15mo primo cambio nel Lecce. Esce un buon Beretta per Doumbia. Con questa mossa Lerda, quindi, cerca di sfruttare al massimo velocità del francese per provare l'arma del contropiede. Al 19mo il Benevento pareggia. Cross di Negro per la testa Mancosu che anticipa tutti e deposita alle spalle di Caglioni. Al 22mo Melara ex giallorosso grazia i suoi ex compagni, quando, a porta vuota, spara sopra la traversa. Quello a cui si assiste nella ripresa é un dominio degli uomini di Brini. Al 24mo il Lecce va vicino ad un nuovo vantaggio cross di Miccoli e abruzzese riesce a mettere il ore de, sfortunatamente, il tiro termina a lato. L'ingesso di Doumbia si rivela una mossa azzeccata, l'esterno, i fatti, con le sue volate sulla sinistra restituisce profondità ai salentini che ricominciano ad affacciarsi dalle parti di Baiocco. Al 34mo una rovesciata di Campagnacci termina alta. La partita tutto d'un tratto si addormenta e non registra ulteriori emozioni fino alla fine che si conclude con tre minuti di recupero. 
I salentini escono imbattuti dal "Vigorito" e domenica, tra le mura amiche, per ottenere la finale sono costretti a vincere con qualsiasi risultato. Gli allenamenti riprenderanno martedì in vista della sfida di ritorno.