Calciomercato di riparazione, il Frosinone punta Lopez e Bogliacino – TUTTE LE TRATTATIVE

Sta per concludersi la prima settimana del calciomercato di riparazione. Il Lecce farà le proprie mosse dopo la sfida contro Lupa Roma. Il punto delle principali trattive della seria A.

Ci siamo. Il calciomercato è finalmente entrato nel vivo. Agenti, dirgenti e calciatori discutono circa migliori futuri in nuove squadre, magari trovando spazi maggiori attraverso cui dimostrare che la panchina non raffigura una giusta collocazione. Dal 5 gennaio, e fino al 2 febbraio 2015, tutto può ancora succedere. A quasi una settimana dall’inizio dei giochi, ecco una breve carrellata di trattative – tra ufficializzazioni, voci o semplici pourparler – che stanno appassionando, ora dopo ora, minuto dopo minuto, i tifosi italiani. Partendo, ovviamente, dalle notizie che riguardano la squadra del cuore della nostra città, l’U.s. Lecce.
 
BOGLIACINO E LOPEZ PIACCIONO AL FROSINONE – Il mercato giallorosso dovrebbe entrare nel vivo a partire dalla prossima settimana. Non appena messa in cantiere la partita contro i laziali della Lupa Roma, Antonio e Savino Tesoro si riuniranno col neo tecnico Dino Pagliari per valutare eventuali arrivi o cessioni. Tutto ciò relativamente alle possibilità finanziarie offerte dal bilancio societario. Ad ogni modo, i dirigenti del Lecce sono stati chiari in più di un’occasione: qualora dovessero presentarsi opportunità ‘succulente’ non se le lasceranno certo scappare. Nell'aria echeggia il nome di Arturo Lupoli del Varese, ma al momento non esiste nulla di concreto. Soffermando l’argomento sul capitolo uscite, emergono già alcune indiscrezioni ufficiose. Mariano Bogliacino e Walter Lopez fanno gola ad una società di serie B. Si tratterebbe, quasi per ironia del destino (considerando le ultime finali play off di Lega Pro), del Frosinone. I ciociari puntano gli occhi su due veri e propri ‘pezzi da novanta’, mix di esperienza, tecnica, piedi buoni, tenacia. Il vissuto calcistico degli uruguagi andrebbe così ad implementare un team composto da atleti giovani, fornendo quel ‘quid’ in più tramite cui poter spiccare il volo nel campionato cadetto. 
 
SHAQIRI E PODOLSKI, CHE COLPI! – Volendo un attimo volgere lo sguardo al calciomercato di serie A, risulta impossibile non notare l’ottima campagna acquisti avviata dall’Inter. Vero è che si tratta pur sempre della sessione di ‘riparazione’, ma gente come Lukas Podolski e Xherdan Shaqiri riesce a rivoluzionarti in positivo l’intero assetto tattico. Roberto Mancini accoglie così alla ‘Pinetina’ due calciatori molto forti, che senza dubbio innalzano il livello attuale dei nerazzurri. Podolski giunge via Arsenal con la formula del prestito oneroso fino a fine stagione (600mila euro pronte a diventarne 850mila qualora l’Inter dovesse qualificarsi in Europa League; e, addirittura, 1 milione in caso di Champions League). Lo svizzero, invece, arriva dal Bayern Monaco sempre in prestito, ma con obbligo di riscatto fissato a 15 milioni di euro.
 
JUVE E SNEIJDER, ‘NON S’HA DA FARE’ – Per circa una decina di giorni tambureggiavano notizie con al centro il possibile approdo di Wesley Sneijder in bianconero. Da un lato il Galatasaray che tratta l’olandese partendo minimo da 10 milioni, dall’altro la Juventus che cifre oltre gli 8 milioni non vuole proprio spenderne. Poi, a spegnere gli entusiasmi della vecchia signora, le dichiarazioni dell’agente Guido Albers al quotidiano on line turco Hurriyet. ‘Wes’vuole restare in Turchia e più avanti dovrebbe discutere un prolungamento del contratto con la presidenza del suo attuale club. E tutto ciò senza contare, peraltro, il veto assoluto del vicepresidente Abdurrahim Albayrak. Insomma, sembra proprio che questo matrimonio non s’ha da fare. Riguardo al difensore centrale Rolando – lo scorso anno all’Inter – tutto pare piuttosto aperto, dunque non si escludono ulteriori sviluppi nelle prossime ore.
 
CERCI E DIAMANTI, BENTORNATI! – Due graditi rientri in patria per altrettanti professionisti italiani. Alessio Cerci cede alle lusinghe del Milan dopo la sfortunata parentesi di Madrid, sponda Atletico. L’ex Roma, Pisa, Torino e Fiorentina sostituisce un deludente Fernando Torres. Il ‘Nino’, non riuscendo a convincere mister Inzaghi (che in tema di movimenti d’attacco ne capisce!), torna anch’egli nella sua terra natia, in Spagna, occupando il posto vacante lasciato proprio da Cerci. Uno scambio equo, conveniente, e che – si spera – potrebbe rinvigorire due calciatori sin troppo bistrattati dai rispettivi organi di stampa locali. Manca ancora qualche scartoffia, invece, per lo sbarco di Alessandro Diamanti alla Fiorentina. L’ex centravanti del Guangzhou – formazione cinese che con in panchina Marcello Lippi vinse la Champions League asiatica – plana a Firenze in prestito; il diritto di riscatto è fissato a due milioni. A breve i viola dovrebbero anche annunciare un portiere: l’ex Lecce Antonio Rosati.
 
LE ALTRE TRATTIVE – Tra le ‘piccole’ della serie, il colpo più ‘grande’ se l’è assicurato – per ora – l’Atalanta. Oltre a German Denis, adesso i bergamaschi potranno schierare in attacco Mauricio Pinilla, pervenuto dal Cagliari in prestito con obbligo di riscatto fissato a 2 milioni. Un altro ‘puntero’, dunque, per mister Colantuono. Occhio alla Sampdoria. Oltre all’acquisto, ormai quasi in tasca, del colombiano ex Lecce Luis Muriel (l’operazione dovrebbe costare più o meno 12 milioni di euro) pare che l’esplosivo presidente Ferrero stia concludendo l’affare-Eto’o, attualmente in forza all’Everton. L’eventuale ritorno in Italia del goleador camerunense vuole sostituire la partenza di Gabbiadini al Napoli. Non solo. Permetterebbe un salto di qualità importante per i blucerchiati, vera e propria rivelazione della stagione assieme al Palermo di Vazquez e Dybala, cercati da mezza Europa ma giudicati incedibili dal presidente rosanero Zamparini.



In questo articolo: