Il Lecce di Matera è poca cosa. Pari incolore nella Città dei Sassi

Netta retromarcia per i giallorossi di mister Lerda che in Basilicata non si rendono quasi mai pericolosi e rischiano anche di essere sconfitti. Domani la ripresa. Salentini già in campo venerdì sera contro la Reggina.

Dopo la convincente vittoria nel derby con il Barletta, questo pomeriggio allo stadio "XXI Settembre" di Matera i giallorossi sono stati impegnati nella sfida contro la locale compagine allenata dall'ex tecnico del Gallipoli, Gaetano Auteri.

Anche a causa delle numerose assenze, soprattutto in difesa, Franco Lerda sconvolge il modulo di gioco affidandosi ad un prudente 3-5-2 con Mannini che, dopo alcuni buoni scampoli di gara la settimana scorsa, parte dall'inizio. In attacco l'allenatore di Fossano si affida alla coppia vista fino ad oggi composta da Moscardelli e Della Rocca. Ancora una volta Miccoli parte dalla panchina.

Nella prima parte di gara la partita non ha nulla da dire per entrambe le formazioni che si avvicinano spesso alle rispettive aree di rigore avversarie senza, però, creare alcuna occasione. Tanto che il primo calcio d'angolo, a favore della squadra lucana, si ha al 25mo di gioco. Al 34mo Moscardelli si procura un calcio di punizione dal limite e si presente lui stesso alla battuta, ma il suo tiro di sinistro termina sulla barriera. Al 36mo arriva la prima occasione da goal per i giallorossi. Tiro da fuori di Mannini e grande parata dell'estremo difensore avversario. Al 41mo cross di Lopez per Della Rocca che in spaccata non riesce ad arrivare sul pallone per una questione di centimetri. Al 44mo il Matera va in gol con Bernardi, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Al 45mo ci prova Lopez su cross di Doumbia, ma il suo tiro di esterno finisce altissimo. È questa l'ultima nota della prima frazione che termina con un minuto di recupero e che ha visto un leggero predominio giallorosso senza, però, creare molti pericoli alla formazione materana.

Il Matera parte alla grandissima nella ripresa e al terzo di gioco un tiro da fuori di Letizia, supera Caglioni e va ad infrangersi sulla traversa. Sulla ribattuta Bernardi manda alto di testa. Trascorsi due minuti risponde il Lecce con un tiro di Doumbia alto di poco. Al 12mo miracolo di Caglioni che su corner toglie letteralmente il pallone dalla testa di D'Aiello lasciato solo dalla difesa salentina. Al 21mo Miccoli, subentrato a Moscardelli, ci prova dalla lunghissima distanza, ma il pallone termina fuori. Al 31mo il Lecce va in goal con Miccoli, ma il direttore di gara annulla per un off side proprio del capitano.  Al 40mo Abruzzese rischia grosso con un fallo poco prima della linea che delimita l'area di rigore leccese. Fortunatamente l'arbitro vede bene ed assegna un calcio di punizione dal limite che si conclude con un nulla di fatto. Dopo questo episodio la partita non provoca altri sussulti e si conclude con tre minuti di recupero.

Il Lecce compie un netto passo indietro rispetto alla partita con il Barletta, con una squadra incapace di rendersi pericolosa per tutto l'arco della gara e di portare, se non una sola volta e con un tiro da fuori area, il benché minimo pericolo alla porta del Matera.

Gli allenamenti riprenderanno domani mattina a Squinzano per preparare da subito la gara di venerdì sera contro la Reggina.