La maledetta rincorsa ai play off, al Via del Mare è derby Lecce – Foggia

Dopo la vittoria di ieri di Juve Stabia e Matera su Salernitana e Benevento, agli uomini allenati da Bollini e da De Zerbi non resta che vincere per sperare di agganciare l’ultimo treno per i play off. Vediamo cosa accade in vetta negli altri gironi di Lega Pro.

Un derby che qualche anno fa si giocava in categorie ben diverse e magari per traguardi ben più ambiziosi. Fatto sta che oggi al Via del Mare, alle ore 16.00, arbitrati dal Sig. Serra di Torino, l’undici allenato da mister Bollini e quello allenato da Mister De Zerbi, si contenderanno tre punti che diventano fondamentali per il prosieguo della stagione.

Le vittorie di ieri pomeriggio del Matera sul Benevento e della Juve Stabia sulla Salernitana hanno incartato, a quanto pare, il terzo e quarto posto. Il derby tra i lupi giallorossi e i satanelli dauni ha un valore quindi determinante per chi pensa che ci sia ancora qualche possibilità di ascesa nel campionato di Lega Pro, provandosi a giocare tutte le chances per la serie B e agguantando, magari all’ultimo secondo, il treno dei play off.

Ricordiamo che alla coda del campionato utile ad assegnare la quanta postazione per la serie B, per il campionato cadetto, parteciperanno tutte le seconde classificate, tutte le terze classificate e le due migliori quarte.

Vediamo cosa accade negli altri gironi: per ora  nel girone A di Lega Pro al quarto posto c’è il Novara con 59 punti, seguito dal Como a 58.

Nel girone B il quarto posto è occupato dalla Spal a quota 55, seguita da L’Aquila a 54, Ancona 53 e Pisa 52.

Nel girone C, quello del Lecce, il Matera è saldo al quarto posto con 63 punti, seguito da Foggia e Lecce a 57 punti, ma con una partita in meno e Casertana a 56. Insomma sembra proprio che il girone C della Lega Pro dovrebbe candidare ai play off quattro squadre e non tre. Che poi tra queste ci sia il Lecce dipende molto da quello che succederà oggi pomeriggio.

Molto carichi i foggiani, lo si percepisce dalle parole di mister De Zerbi raccolte dal sito ufficiale dei satanelli. L’allenatore è convinto della possibilità di giocarsela per la vittoria dell’intera posta in palio e non fa problemi di formazione, malgrado qualche assenza “A Lecce proveremo a vincere come sempre, siamo sereni ma carichi a … pallettoni. Mi mancherà qualche giocatore importante ma non mi piace lamentarmi, la mia squadra è fatta di 25 giocatori importanti, se in una gara come questa devo utilizzare un giocatore che ha giocato poco dormo lo stesso”.

Sono 20 i convocati dauni per la sfida di oggi contro il Lecce: Narciso, Micale,  Addario , Altobelli , Bencivenga , D’angelo , Grea, Loiacono , Potenza, Agnelli, Agostinone, D’allocco, Quinto, Minotti, Sainz-Maza, Sicurella, Barraco, Cavallaro, Iemmello, Leonetti.

Questi in convocati in casa giallorossa:
PORTIERI:
Chironi, Scuffia
DIFENSORI
Abruzzese, Beduschi, Diniz, Di Chiara, Lopez, Mannini
CENTROCAMPISTI
Bogliacino, Filipe Gomes, Lepore, Papini, Sacilotto, Salvi
ATTACCANTI
Embalo, Doumbia, Gustavo, Herrera, Miccoli

Il Lecce, con ogni probabilità dovrebbe tornare al vecchio 4-3-3. Due le possibili formazioni e Mister Bollini si riserverà fino all’ultimo di decidere, a seconda di come voglia inserire i rientranti Mannini e Lepore dopo la squalifica pesante avuta nella sfida contro il Catanzaro. Di Chiara, anch’egli rientrante, andrà in panchina.

Secondo i ben informati il Lecce scenderà in campo così:  Scuffia tra i pali; difesa composta da Mannini, Diniz, Abruzzese e Lopez; Salvi, Papini e Bogliacino in mediana; Lepore, Miccoli ed Herrera al comporre il tridente d’attacco.

Le variabili possono essere rappresentate da Beduschi al posto di Mannini in difesa con lo spostamento dell’esterno sulla linea degli attaccanti e Lepore in mediana al posto di Bogliacino destinato ad entrare in partita in corso. Ancora una volta c’è chi pensa che Gustavo potrebbe essere preferito ad Herrera.

A proposito, si aspetta un autentico esodo foggiano a seguito dei loro beniamini. Sarà bello vedere uno stadio colorato su entrambe, le curve.



In questo articolo: